Paolo Mele_Fuoriporta

Paolo Mele: quando la terra è una seconda casa

In uno degli ultimi viaggi che abbiamo fatto in Sardegna e in particolare a Sinis, alla ricerca delle eccellenze prodotte nelle piccole località italiane da presentarvi, abbiamo incontrato Paolo Mele, produttore e imprenditore dell’Azienda Samarigosa che ha commercializzato per primo in Sardegna il Carciofo Sott’olio come “Carciofo Spinoso di Sardegna d.o.p”.

Come nasce l’attività, c’è un passato che la lega alla terra?
L’attività della nostra azienda nasce quasi 30 anni fa dall’amore per il nostro territorio tramandato dalla mia famiglia e da quella del mio socio Salvatore Pala, con cui nel 1986 abbiamo avviato la Società giovanile agricola Sa Marigosa. Nel 2008 abbiamo ottenuto il riconoscimento come OP e avviato l’attività di produzione e commercializzazione principalmente di angurie, meloni e carciofo in diversi cultivar, e negli ultimi anni è stato riconosciuto anche il Carciofo Spinoso di Sardegna, per il quale facciamo parte del Consorzio di Tutela della d.o.p.

Da quanto tempo esiste questa attività?
Dal 1986 come Società Agricola Giovanile e dal 2008 come Organizzazione di Produttori.

Quale è stato il suo percorso che la avvicinata a questa realtà?
Sicuramente un forte stimolo è rappresentato dalle origini e tradizione familiare, oltre che dall’appartenenza ad un territorio così ricco di legami con l’agricoltura, che rappresenta la principale risorsa economica regionale.

Quale è il vostro prodotto più particolare e perché?
E’ difficile definire un prodotto che spicca per importanza, perchè tutti i nostri prodotti hanno una forte tipicità, basti pensare al Melone a polpa bianca del Sinis, o al Carciofo Spinoso Sardo d.o.p che oltre al fresco, abbiamo trasformato in prodotto sott’olio, e commercializzato per primi in Sardegna come Carciofo Sott’olio con “Carciofo Spinoso di Sardegna d.o.p”.

Quale è il rapporto con la terra?   
Il nostro rapporto con la terra è viscerale, fin da ragazzi abbiamo vissuto in prima persona la passione tramandata dalle nostre famiglie e conosciuto le soddisfazioni che la terra può dare, e anche se ora siamo prevalentemente impegnati nell’ambito amministrativo dell’azienda, non perdiamo il contatto con le produzioni e la ricerca per ottenere sempre più elevati standard qualitativi dai nostri prodotti, possiamo definirla la nostra seconda casa.

Portate i vostri prodotti all’estero? Se si dove e in quale quantità?
Abbiamo da poco intrapreso la via della internazionalizzazione con i prodotti trasformati, di cui abbiamo 3 linee, la” Verde”, in cui spicca il Carciofo Sott’olio con ” Carciofo Spinoso di Sardegna d.o.p”, prevalentemente per la Grande Distribuzione, la linea ” Pensieri di Chef” per il canale Ho.Re.Ca, Catering, Gastronomia e ristorazione, di cui fanno parte le zucchine, le melanzane, gli asparagi, i cardi, i peperoni, il cavolfiore e le Creme in molteplici varianti, e la linea ” Le ricette di Sardegna” in cui abbiamo ricettato in modo originale le nostre produzioni fresche, con contaminazione di altri ingredienti di eccellenza del territorio, ovvero, la Crema di Carciofo e Bottarga di Muggine, la crema di Carciofo con Muggine affumicato, i Peperoncini ripieni di crema di carciofo e muggine affumicato, e molte altre particolarità gastronomiche. Attraverso fiere ed eventi a carattere internazionale, ai quali presenziamo frequentemente, abbiamo stabilito importanti contatti con buyer stranieri, che hanno avuto modo di venire in visita presso i nostri stabilimenti di produzione del fresco e del trasformato, entusiasti di scoprire che le nostre coltivazioni sono immerse in uno scenario quasi da film, da una parte il mare del Golfo di Oristano e dall’altra lo Stagno di Cabras. Le risposte ottenute dagli operatori esteri del settore, sono state non solo molto positive ma ci hanno spinto a creare nuovi prodotti e formati ad hoc per soddisfare gli standard di alcuni paesi, con divertenti varianti di packaging e gusto.
Il valore aggiunto che crea forte interesse all’ estero per le nostre conserve vegetali, è il diretto filo che lega il prodotto raccolto dai nostri campi e lavorato nel minor tempo possibile rigorosamente dal fresco, garanzia di tracciabilità e preservazione del gusto naturale della materia prima.

Ti possono interessare anche

https://www.fuoriporta.org/dal-friuli-allimpero-austro-ungarico-ecco-la-storia-del-salame-ungherese/

Vi potrebbe interessare anche:

Nessun correlato trovato