Articoli

Cividale del Friuli and the mysterious Natisone valleys

To melt, it was nothing less than Julius Caesar. And this particular historical event owes the name of the whole region. We are talking about Cividale del Friuli, to which the Roman Emperor gave the name of Forum Iulii: from here comes the name Friuli, which together with the Venezia Giulia gives life to one of the fascinating regions of entire Italy. In 568 A.D. Cividale became the seat of the first Lombard duchy in Italy and later, for several centuries, the residence of the Patriarchs of Aquileia. Today, after many centuries, Cividale still retains significant Lombard testimony from the Tempietto, one of the most extraordinary and mysterious high-medieval western architecture. How not to mention, then, the Devil’s Bridge, the Duomo, and the Christian Museum? This historical and artistic heritage in 2011 has been recognized by UNESCO, which placed Cividale at the beginning of the Lombard route in Italy in an itinerary that allows you to discover beautiful treasures starting from Friuli-Venezia Giulia. Behind Cividale, for those wishing to spend a few more hours in these parts, the Natisone Valleys are a mysterious land hidden among the Julian Prealps. Four narrow, still-looking, wild valleys, with streams flowing steeple between Forres, Between one valley and another, a few dozen small towns with typical stone houses and churches of the fifteenth century, but also educational nature centers. The old link with Italy has not erased the original language and culture, which are Slovenian and enrich these lands with legends and traditional festivals.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/palmanova-la-citta-fortezza-del-friuli-venezia-giulia/

From Pandino to Pizzighettone, the fortified citadels of the Cremonese

The lands of Cremona closed between the Duchy of Milan and Venice, have been for many centuries zones of war between opposing factions including Visconti and Sforza against the Serenissima, Spaniards against French, French against Austrians. And so there are many fortified citadels that, even today, tell stories to discover. One of these is the case of the castle Visconteo of Pandino, built as a hunting lodge by Bernabò Visconti in 1355 and characterized by imposing defensive towers, which contains beautiful medieval decorations almost wholly preserved. In Pizzighettone, defended by a fortified wall perfectly intact and 2 km long, it is possible to discover a real “city of War”: The volunteers of the walls, every Saturday and Sunday, lead to the discovery of the wall circle that now preserves a museum. Finally, don’t miss Soncino, Cittadella Murata, dominated by the Rocca Sforzesca of 1473. The wall circle hides a medieval village among the most beautiful in Italy. Strolling through its alleys, you can visit churches Rich in works of art and the Museum of the press with its collections of vintage machinery.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/soncino-la-stampa-un-antico-legame-scoprire-al-museo/

The Monumental cypress grove of Salisano

Salisano, a pretty village in the province of Rieti, preserves a real natural treasure: the Monumental cypress grove. It is an extraordinary cypress forest of the “Horizontalis” variety, whose original plant dates back several hundred years ago. Within this fascinating forest formation, there is a path that starts about 1.6 km from Salisano (Ri), just beyond the intersection between Via Montefalcone and Via Dell’Uccelatore, and climbs up to the summit of Monte Ode (968m ). From this Mount, you can enjoy a beautiful panorama that spans 360 degrees from Mount Soratte to the Sabine Mountains, from the Reatini Mountains to the Lucretili, up to the highest peaks of the Abbruzzesi Mountains. The trail, which follows in large part a CAI route (white-red signs), holds the Fosso dei Cipressi on the right and is equipped with handy documentary panels relating to the history, flora, and fauna of the area prepared by the Apidienus association. From the top of Mount Ode it is possible to proceed east towards Colle Pozzoneve (961 m), go down the whole grassy ridge to an altitude of 760 m and then turn right into the oak wood and take a cart track that leads back to the starting point for the “Via Dell’Uccellatore”.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/in-bicicletta-tra-i-castelli-del-barolo-e-le-strade-dei-pellegrini/

In Sicily discovering the churches of Caccamo

Caccamo, one of the most beautiful villages in the province of Palermo, has some of its most prestigious jewels in the churches. We can start our tour from the Church in Santa Maria degli Angeli, with its stone portal of the central entrance dominated by a niche where you can admire a high-relief in marble of the XVI century which depicts the Virgin and Child of unknown author. The Church preserves inside a splendid Madonna and Child by Antonello Gagini, dating back to 1516 and decorations with episodes from the life of Dominican saints. In the neighborhood of Curcuraccio, in 1510, the Archbrotherhood of Saints Michael and Biagio built the homonymous Church, whose altarpiece painted on canvas depicting the Madonna of the Angels with the Child between Saints Michele and Biagio adorned the main altar. Fascinating and mysterious is the history of the Church of the Apostles Filippo and Giacomo, which rises on the edge of the stream Canalotto. The Church of ancient origins preserves inside the effigy of a miraculous wooden Crucifix highly venerated by the population: an old tradition is that the author of the work was the same as St. Luca, who carved the Crucifix directly into the trunk of a tree. The last stop of the tour is the Church of San Benedetto alla Badìa, a church dating back to eighteenth-century: It is of rectangular plan with a single nave without the dome, it has the main altar representing the chapel of a female convent for young girls of wealthy families.

You may also be interested in:

http://www.fuoriporta.org/itinerari/ramacca-caltagirone-piazza-armerina-viaggio-fra-tre-eccellenze-siciliane/

Campo Tassullo and the ancient Church of Santa Lucia

Campo is one of the four Villas of Tassullo (Trento) and is on the road that connects the town to Nanno, in a place where once there was a cemetery or a holy field, where the Villa would have received its denomination. Here it is worth visiting the church of Santa Lucia, mentioned for the first time in 1448; this evocative place of worship seems to date back to the Romanesque period, with the bell-shaped façade that faces east towards the street; here you can see the full-sixth portal in Pink Stone and a rococo window instead of the central rosette. The interior is a single nave and ends with a small pentagonal presbytery; the central oil painting depicts Saint Lucia with the symbology of martyrdom while the altar, in carved and painted wood, has a beautiful ornate leather antependium.

You may also be interested in:

http://www.fuoriporta.org/itinerari/nel-parco-naturale-adamello-brenta-sulle-tracce-dellorso-bruno/

The Gothic charm of the San Vigilio Church in Tassullo

The San Vigilio Church in Tassullo (Trento) dates back to the end of the fifteenth century and keeps its particular Gothic style intact. Originally the church was dedicated to the Anauniensi Martyrs. A boundary wall delimits the ancient cemetery of this Church. It has a bell-shaped façade enriched by a pointed rose stone portal with multi-cords decorations and a circular marble rosette. Down three steps you are in the single nave entrance that ends with the hexagonal presbytery. On the left wall of the priesthood, it is possible to admire a painting by S. Vigilio with the coat of arms of the Thun (1495); in the middle wall, there is the crucifixion, while on the right wall the Madonna enthroned with the Child. The church housed the marvelous wooden altar – now kept by the Diocesan Museum of Trento. The work is dated April 5, 1520, and has the shape of a Gothic triptych with two movable doors that bear various representations (S. Lorenzo, S. Maria Maddalena) and on the back symbols of the Passion and the Tabarelli crest of Fatis.

You may also be interested in:

http://www.fuoriporta.org/itinerari/campo-tassullo-lantica-chiesa-santa-lucia/

verde a Cervaro

Santa Maria Maggiore, the oldest church in Cervaro

The Church of Santa Maria Maggiore is the oldest and most important religious monument of Cervaro, a lovely village located in the region of Lazio, in the province of Frosinone. It is a real historical monument of architecture and culture, with simple essential lines. Not only nowadays, but also in its long past, it has always been the “matrix church“, that is matrix, of the town, as we read in a plaque from the 12th century still visible underneath a stone font: “hecest sola matrix Cervarii“, can be read, or “this is the only (church) matrix of Cervaro”.

The building stands where the ancient Pesculum takes its place from the eastern side, near the medieval ruins of the Borgo and Castello, from which start via Trocchio, via Municipio, via Sobborgo and via XXIV Maggio. The front facade of the castle is clad in square-faced stones, up to the vault, with a stucco-decorated pediment; the portal is instead quadrangular, surmounted by an important composite stone cornice.

Inside, the church contains elegant stucco decorations and fake quadrangular columns; the dome is located at the main altar and houses bas-reliefs depicting the four cardinal virtues: Prudence, Justice, Fortress, Temperance. It also welcomes an artistic wooden crucifix of the ‘600. The polychrome marble altar, of the baroque style, fortunately, did not suffer any demolition after the reform of the Second Vatican Council, which sanctioned the essentiality of the aisle. Other elements of merit are the choir, with graceful carvings on old wood and the pulpit.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/eventi/8070/

Castelli Sabina_Fuoriporta

From Savelli to the Orsini, among the castles of the Sabina

Let’s discover the castles of the beautiful Sabina area between the provinces of Rome and Rieti! Famous today for its uncontaminated nature and the production of one of the most renowned olive oil in Italy, but a theater of critical historical events witnessed precisely by these fortresses.

A path that can only start from the slopes of the Lucretili Mountains and, in particular, from the Savelli Castle which represents the pride of Palombara Sabina. It is difficult, however, to remain indifferent to his large halls, the frescoes of the school of Raphael and the ancient Greek statues. Worth a visit: the Archaeological Museum, which houses a beautiful statue of Zeus dating back to the 1st century BC, the hanging garden and “il soccorso,” a long tunnel with 37 loopholes once used by crossbowmen to pass from the tower to the fortress without being seen.

Not far from Palombara, it is possible to admire one of the most considerable examples of Lombard “castrum.” The ruins of Castiglione, which dominate from a panoramic position a valley characterized by dense terraced olive trees. And always a few kilometers away here is the abandoned town of Stazzano Vecchio, known as one of the “ghost towns” of Lazio, with its Orsini Castle. Continuing in the direction of Farfa, a few kilometers from the famous Abbey, it is possible to see the ruins of Roccabaldesca. The journey through the castles of the Sabina can only end in Nerola and its perfectly preserved Romanesque-medieval castle: defended by a wide moat and four large corner towers. Inside you can admire the vast halls and you can enjoy a breathtaking view of the surrounding valley.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/eventi/sagra-della-bruschetta-monteleone-sabino-ri-il-22-novembre/

https://www.fuoriporta.org/eventi/pane-olio-e-montelibretti-rm-2122-novembre/

Frasassi Experience

Nelle Marche si punta ai nuovi trend del turismo attivo. Un’esperienza totale, tra storia, natura, enogastronomia

Museo-della-Pasta_Fuoriporta

La storia della pasta in mostra a Roma

Dalle prime e rudimentali macine in pietra alle moderne impastatrici, otto secoli di storia per uno dei piatti più amati ad ogni latitudine, che ha contribuito a rendere nota in tutto il mondo la tradizione gastronomica italiana!

Non poteva che sorgere a Roma, patria dell’amatriciana, della carbonara e della gricia, il Museo Nazionale delle Paste Alimentari. Unico a mondo e primo museo primo dedicato ad un prodotto specifico alimentare permette, sala dopo sala, di scoprire come dal grano nasca la pasta e quali siano i procedimenti usati nell’impastatura e nell’essiccamento, sia nell’antico processo artigianale che nella moderna tecnologia industriale.

Ma i visitatori possono anche ammirare curiose opere d’arte dedicate alla pasta dall’antichità ai giorni nostri, nonché ottenere preziose informazioni nutrizionali. La struttura dispone anche di una riccaBiblioteca con un’ampia documentazione storico–scientifica che contiene testi antichi e moderni sull’evoluzione culinaria dell’alimento e sulle tecnologie produttive.

Indirizzo: Via Flaminia 141, Roma Tel. 06 6991119

Ti potrebbe interessare

https://www.fuoriporta.org/itinerari/assisi-oltre-san-francesco-ecco-la-citta-delleta-imperiale-del-rinascimento-e-del-barocco/

Itinerari

Una Murgia ancestrale tra dinosauri, bauxite e preistoria

68.033 ettari di storia. Siamo nel Parco Nazionale dell’alta Murgia dove creste rocciose, doline, cavità carsiche, scarpate ripide, masserie in pietra, a volte fortificate per difendersi dall’attacco dei predoni raccontano la storia di un uomo lontano e di una natura oramai dimenticata. Una storia quasi mitologica fatta di dinosauri che percorrevano un antico mare e di uomini ancestrali che vivevano nelle numerose grotte che si insinuano nei costoni rocciosi.

Non mancano le testimonianze della dominazione normanno sveva, le cui tracce sono presenti in molti dei centri storici dei tredici comuni che danno vita a questo territorio e che trovano il loro apice nell’imponente Castel del Monte patrimonio dell’umanità dell’UNESCO e più importante castello del Sud dell’Italia. Si tratta di una fortezza del XIII secolo fatta costruire dall’imperatore del Sacro Romano Impero Federico II nell’altopiano delle Murge occidentali in Puglia, nell’attuale comune di Andria. Un luogo meraviglioso da scoprire nel vostro fine settimana dedicato alla Murgia insieme a Fuoriporta.

Iniziamo il nostro viaggio, passo dopo passo, alla scoperta del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

Le miniere di bauxite. Affascinanti e ipnotizzanti. Le loro pareti rosse, ancor più belle con il contrasto del verde della natura e l’azzurro del cielo, vi catapultano in un paesaggio fantastico fra rocce calcaree alte una cinquantina di metri, stagni e sfumature cromatiche che vanno dal rosa al rosso granata. Ed è magia.
Le cave si trovano a circa 10 km dalla città di Spinazzola.
Da Spinazzola prendere la SP 230 e proseguire fino alla SP 138, in direzione Andria. A circa 4 km dallo svincolo, imboccare la strada sterrata che si apre sul lato destro della carreggiata e proseguite fino alle cave che si trovano subito dopo il bosco.

Una sosta è d’obbligo nel piccolo Museo Erbario che attraverso sei pannelli illustra le caratteristiche della flora presente nei vari ambienti del Parco. Lo potete visitare da soli. Il museo è infatti stato pensato per una fruizione autonoma da parte dei visitatori.

E ora si arriva alla foresta artificiale Mercadante. Artificiale perché a causa dell’erosione il suolo divenne spoglio e povero, e non offrendo resistenza all’acqua, che fluiva senza ostacoli fino al fondovalle, non permetteva alla vegetazione di crescere. Sul suolo furono quindi messi a dimora numerosi alberi, per la maggior parte conifere, in particolar modo pino d’Aleppo, in quanto piante a rapido accrescimento e idonee a predisporre il suolo per le specie autoctone come le roverelle e i lecci. Nella foresta potrete fare lunghe passeggiate, pic nic e vedere scorrazzare numerosi animali. I percorsi sono ben tracciati e ideali anche per chi vuole fare prime esperienze nel mondo del trekking e delle escursioni. La Foresta Mercadante è un luogo simbolo per tutta la provincia di Bari e non solo, un’oasi naturale a 25 dal capoluogo.

Poco più in là… siamo un luogo catartico: la grotta Lamalunga, la cavità che ospitava l’uomo di Altamura, i cui resti furono scoperti nel 1993 da alcuni speleologi altamurani e baresi. Si tratta di un esemplare umano adulto, intrappolato nella grotta di Lamalunga in Altamura, rimasto inglobato nelle stalattiti e stalagmiti che gli sono cresciute intorno e che lo hanno conservato intatto. Un primo e unico frammento dello scheletro, estratto fisicamente nel 2009 da una scapola, ha consentito di raccogliere dati sul Dna, quantificare alcuni aspetti sulla morfologia e collocare cronologicamente l’Uomo di Altamura in un intervallo finale del Pleistocene Medio compreso tra 172 e 130mila anni. La grotta non è accessibile al pubblico ma a 500 m da questa è possibile raggiungere il centro visite Lamalunga dove poter avere tutte le informazioni sulla scoperta.

Di emozione in emozione, arriviamo nella Valle dei Dinosauri, nel cuore dell’entroterra barese, nelle campagne del celebre “Pulo”, dolina carsica profonda circa cento metri. Qui si trova uno dei più vasti giacimenti paleontologici, scoperto nel 1999 in località Cava Pontrelli, costituito da circa 30.000 orme di dinosauri risalenti a circa 70 milioni di anni fa.

Scopri di più su Fuoriporta http://www.facebook.com/fuoriportaweb

Cinque percorsi per scoprire la Franciacorta in bicicletta

Cantine, agriturismi, musei, distillerie, enoteche. La strada del Vino di Franciacorta è questo è molto altro. La zona collinare lombarda compresa tra Brescia e l’estremità meridionale del Lago d’Iseo, è uno dei territori italiani che contano la più alta produzione di spumanti, da gustare insieme ad altre perle della tradizione gastronomica locale tra vigneti, graziosi borghi e antichi casali. Una terra ideale per gli itinerari in bicicletta. La Provincia di Brescia ne segnala cinque, contrassegnati da un colore diverso: nero, blu, giallo, verde e rosso.

Il percorso nero parte da Piazza della Loggia nel centro della città di Brescia e si snoda in periferia costeggiando Urago Mella nei pressi del Villaggio Violino, si addentra successivamente nel paese di Cellatica e nel comune di Gussago per poi lambire Rodengo Saiano passando accanto all’Abbazia Olivetana, per ritornare per stradine di campagna sul percorso di partenza. Si tratta di un percorso ciclo-pedonale lungo 40 km, adatto a tutti e della durata di 2 ore e 30 minuti.

Quello blu parte dall’Abbazia Olivetana di Rodengo Saiano e conduce fino a Provaglio d’Iseo, in località Torbiere del Sebino, attraversando Monticelli Brusati, nel cuore della Franciacorta. Seguendo la pista ciclabile che unisce Brescia a Paratico si giunge a Passirano attraversando le campagne di Fantecolo, Monterotondo e Camignone dove si può fare una pausa di degustazione all’interno delle numerose cantine che si incontrano sulla via. In questo caso si tratta di un percorso di 30 km adatto a tutti e senza difficoltà, da completare in circa 2ore e 30 minuti.

Il percorso giallo porta alla scoperta della parte di Franciacorta che si mescola con il Sebino. Da Iseo, un percorso di 30 km conduce fino a Clusane, costeggiando la riva del Lago d’Iseo, per poi inoltrarsi nel cuore della Franciacorta attraversando Corte Franca, fino a Calino e Bornato.

Quello verde attraversa Paratico, Capriolo, Adro e Corte Franca, per chiudersi nuovamente al punto di partenza. Dirigendosi a Capriolo si può visitare il Museo Agricolo del Vino e osservare il fiume Oglio che scorre attraverso queste terre, uno spettacolo davvero unico.

L’ultimo percorso, quello definito dal colore rosso, porta nella Franciacorta meridionale, collegando Erbusco, Rovato e Cazzago San Martino in un itinerario chiuso.
A Erbusco ci si può fermare a visitare il parco delle Sculture, oppure concedersi una degustazione di vini DOC associati a salumi e formaggi prodotti dagli agriturismi locali.

 

 

 

 

Talamello e i suoi gioielli d’arte, natura e gastronomia

Uno scrigno nel cuore della Valmarecchia che custodisce dei veri e propri gioielli artistici e naturalistici. E’ Talamello (Rimini), considerata anche la “capitale” italiana di una delizia come il formaggio di fossa. Una visita non può che partire dal seicentesco Santuario di San Lorenzo, che sorge proprio nella piazza principale del borgo: qui è conservato un prezioso crocifisso dipinto, attribuito per un lungo periodo a Giotto ma fatto risalire successivamente ad un suo allievo, Giovanni da Rimini. Ancora più nota è la Cella della Madonna (detta del cimitero), risalente al 1437: si tratta di una cappella votiva voluta dal vescovo Giovanni Seclani nel 1437 e completamente affrescata da uno dei più famosi pittori di quel periodo, Antonio Alberti; nella parete di fondo sono dipinte scene della Annunciazione e della Madonna in Trono. Nelle volte a crociera sono dipinti i quattro Evangelisti e negli angoli compaiono i Dottori della Chiesa: in pochi metri quadrati è insomma racchiusa gran parte della storia della Chiesa universale, in uno straordinario documento visivo, concepito e realizzato a cavallo fra la fine dell’arte gotica e l’inizio della pittura rinascimentale. Terza tappa del viaggio non può che essere il Museo – Pinacoteca Gualtieri “Lo splendore del reale”, che riunisce più di 40 opere donate al Comune tra il 2000 e il 2005 da Fernando Gualtieri, artista di fama internazionale di origini talamellesi, apprezzato, oltre che in Europa ed America, anche in Cina e Giappone.

Per i più curiosi è anche possibile visitare, previa reperibilità dei proprietari, le fosse del formaggio di fossa “L’Ambra di Talamello”: alcune sono visibili anche all’interno del ristorante “La locanda dell’Ambra”, in piazza Garibaldi. Ma in questo tratto della provincia di Rimini anche gli amanti del verde e delle gite all’aria aperta possono trovare gradite sorprese a partire dal Monte Pincio, ricoperto da una pineta e da un castagneto centenario: numerosi sentieri si inerpicano per le pendici del monte, offrendo scorci panoramici di grande suggestione che spaziano dalle cime più alte dell’Appennino Marchigiano e Tosco-Romagnolo al mare Adriatico. Merita una visita anche il Giardino Roccioso, un parco che sorge in località Borgnano, lungo la “Marecchiese” realizzato attraverso il recupero di un’area di cava.

 

Marsciano_Fuoriporta

 Marsciano racconta la sua storia con il Museo del laterizio

La città del laterizio non poteva che ospitare un Museo dedicato a questa arte antica che affonda le sue radici nella notte dei secoli.  Il Museo dinamico del laterizio e delle terrecotte di Marsciano non è solo uno spazio espositivo, quanto piuttosto un viaggio alla scoperta di meravigliosi oggetti fabbricati con materie prime povere: la terra e l’acqua cotte con il fuoco. Un’attività che in questo tratto della provincia di Perugia si pratica da sempre: il laterizio rappresenta una sorta di filo rosso della storia cittadina, non solo di quella urbanistica ed edilizia, ma anche di quella dei rapporti commerciali ed economici, delle famiglie imprenditoriali, della stratificazione sociale.

A fare il resto è la splendida location che ospita il museo, Palazzo Pietromarchi, una residenza nobiliare costruita nel Trecento dalla famiglia dei conti Bulgarelli di Marsciano. Grazie a un finanziamento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, il Comune di Marsciano lo ha completamente ristrutturato: nei suoi locali ha sede il Museo e si tengono una serie di iniziative e attività culturali che fanno del Palazzo il fulcro dell’offerta culturale di tutto il territorio. Il Museo, infatti, fa dei laterizi e delle terrecotte il centro di una rete di relazioni che lo configurano come un vero e proprio istituto culturale, capace di promuovere iniziative scientifiche sul tema delle produzioni fittili, di diffonderne l’uso, di definirne l’evoluzione tecnica, collocandola tra tradizione e innovazione, di costruire intorno una diffusa attività didattica ed esperienze di marketing territoriale.

Nel Palazzo è inoltre esposta una Madonna in trono con Bambino con gli angeli, San Silvestro e San Rocco di ambito del Pinturicchio, databile intorno al 1500. Completa l’offerta artistica una selezione delle opere dello scultore marscianese Antonio Ranocchia (1915-1989), mentre il biglietto acquistato a Palazzo Pietromarchi è valido anche per la visita all’Antenna Museale di Spina.

Da Rotonda a Terranova, la Basilicata più nascosta

Scoprire in poco più di 85 chilometri alcuni degli angoli più suggestivi e meno conosciuti della Basilicata, lungo un percorso che va da Rotonda a Terranova e tocca punti di grande interesse storico e naturalistico: il viaggio alla scoperta degli angoli più particolari di questa regione misteriosa e affascinante può partire dalla piazza principale di Rotonda, il paese del Parco Nazionale del Pollino che sorge proprio al confine con la Calabria e che è noto in tutta Italia per la sua prelibata melanzana rossa, simile a un pomodoro. Da qui si parte alla volta del piccolo centro agricolo di Viggianello, nascosto in una gola ai piedi del Pollino, che conserva un bel  castello di origine normanna recentemente ristrutturato. Si continua quindi alla volta di uno dei più piccoli e graziosi paesi alle falde del Pollino: San Severino Lucano; un borgo che vanta il primato non certo invidiabile di “paese più freddo della Basilicata” ma dal quale si può godere di una splendida vista che spazia dal monte Alpi fino alla Serra di Crispo. Si riprende quindi il viaggio per raggiungere Francavilla sul Sinni, fondata nel XV secolo, e poi San Costantino Albanese, uno dei tanti paesi a cavallo tra Basilicata e Calabria dove l’influenza del paese dell’Est si sente ancora più forte che mai: affacciato a 650 metri di altezza sulla valle del Sarmento, il paese conserva un grazioso centro storico ed è circondato da un bel bosco di castagno. Il percorso si conclude a Terranova del Pollino, dove vale la pena visitare la Chiesa Madre, ricostruita sul sito di una chiesa del XVI secolo; per gli amanti delle escursioni, il paese rappresenta un ottimo punto di partenza per vistare le praterie d’alta quota dei Piani del Pollino al Dolcedorme.

Fabrica di Roma_Via Amerina_ Fuoriporta

Da Fabrica di Roma fino a Nepi, a piedi lungo l’antica via Amerina

Qui si sono intrecciate storie della Roma Antica, dei Falisci e delle popolazioni etrusche; qui, passeggiando sugli antichi blocchi di peperino che ne caratterizzano la pavimentazione, è ancora possibile immaginare il rumore del carri con le loro ruote cerchiate in ferro e il vociare degli uomini che per tanti secoli l’hanno attraversata. E’ la via Amerina, antichissima strada consolare (fu costruita tra il 241 e il 240 a.C. dopo la vittoria nella guerra romano-falisca) che passa proprio accanto a Fabrica di Roma (Viterbo): un itinerario turistico – da compiere rigorosamente a piedi – di grande impatto storico-religioso, poiché essa rappresentava già agli albori dell’Impero romano una via molto trafficata che collegava gran parte del territorio falisco. La via prese in nome da una delle città a cui conduceva: Ameria, l’odierna Amelia, in Umbria; la via Amerina metteva infatti in comunicazione la campagna romana a nord di Roma con l’Umbria, passando per il territorio falisco e giungendo ad Ameria, per poi allungarsi anche a Todi, a Perugia e infine ricongiungersi a Chiusi con la via Cassia.

Come riportato anche nella Tavola Peutingeriana (copia medievale del XII secolo di un originale cartina stradale in pergamena romana, lunga quasi 7 metri, che rappresenta la rete stradale romana), la via Amerina iniziava distaccandosi dalla Cassia all’altezza della stazione di posta Statio ad Vacanas o ad Baccanas (odierna Valle del Baccano) passando per Nepe (odierna Nepi) e Falerii Novi prima di giungere ad Ameria. La via Amerina ripercorre in questo territorio un’antica tagliata etrusca. Lungo i lati di questa tagliata è possibile ammirare tombe di diverso tipo (arcosoli, colombari, camere e nicchie) che accolgono sepolture ad incinerazione e a inumazione, a testimonianza della funzione della via Amerina nei secoli, capace di assorbire e mantenere le memorie storiche dai Falisci all’età medievale. La pavimentazione stradale, detta basolato, è realizzata con blocchi di peperino, delimitata da due file di blocchetti (dette crepidini) che fungevano da paracarro e marcavano l’inizio del marciapiede.

E così, senza tralasciare una visita a Falerii Novi – suggestivo sito archeologico di epoca romana dove si può visitare la Porta di Giove e la Chiesa di Santa Maria in Faleri, si può iniziare un lungo percorso a piedi molto suggestivo che porta direttamente a Nepi.

Una sorta di viaggio all’indietro nel tempo, se si considera che in epoca altomedievale che la via Amerina divenne importantissima: questa, infatti, poneva in comunicazione l’Esarcato di Ravenna con Roma, percorrendo da nord a sud quella sottile striscia di territori bizantini schiacciata tra il Regno dei Longobardi a ovest e il Ducato longobardo di Spoleto a est, detta “corridoio bizantino”. Per difendere questo territorio i Bizantini fortificarono la via, costruendo strutture difensive, ereditate poi dalla Chiesa, che le mantenne e che favorì, a sua volta, la fondazione di monasteri e di luoghi destinati all’accoglienza dei viandanti e dei pellegrini in cammino per Roma. Dalla fine del Medioevo, mutato il panorama politico e persa in gran parte la sua importanza, la Via Amerina tornò ad avere un ruolo secondario del tutto simile a quello ricoperto nell’Antichità: iniziò così la sua progressiva decadenza, che portò alla perdita della sua unità strutturale e alla scomparsa del suo tracciato in molti tratti del percorso.

 

museo-pleistocene_Fuoriporta

La Roma di 200mila anni fa in mostra al Museo Pleistocenico di Casal de’ Pazzi

Tutto partì da una zanna d’elefante rinvenuta nel 1981 durante i lavori di urbanizzazione della zona. Siamo a Casal de’ Pazzi, nella periferia di Roma. Qual ritrovamento diede il via a un’ampia indagine un’indagine archeologica su un’area di oltre 1.200 mq che portò alla luce il tratto di un antico alveo fluviale. E così nel 2015 è nato il Museo Pleistocenico, l’ottavo polo museale gratuito della Capitale. Un’occasione per i visitatori per immergersi nella Città Eterna di 200.000 anni fa, in un paesaggio preistorico fatto di vulcani, uomini cacciatori ed elefanti; e per scoprire al contempo quella straordinaria serie di depositi che un tempo costellavano la bassa valle dell’Aniene prima di essere distrutti dall’inesorabile avanzare della città; nel giacimento, infatti, vennero scoperti più di 2000 fossili animali come l’elefante antico, l’uro, l’ippopotamo e il rinoceronte, ma anche un frammento di cranio e oltre 1.500 manufatti in selce che testimoniano la contemporanea presenza di uomini. L’itinerario prende il via con l’osservazione del letto del fiume dall’alto di una passerella, quindi l’alveo si riempie di acque virtuali e un filmato ricostruisce il paesaggio pleistocenico con il fiume, le piante, gli animali e una rappresentazione 3D dell’elefante antico. Nella sala espositiva, poi, è possibile ammirare alcuni dei reperti rinvenuti nel giacimento ed utilizzare la “Pleistostation”, un touch screen con questionari, giochi, ipertesti e filmati. L’area esterna al museo, infine, ripropone un giardino pleistocenico.

Ortezzano_Fuoriporta

Dai Piceni a oggi, ecco il borgo di Ortezzano

Dolcemente adagiato a 300 metri sul livello del mare nella provincia di Fermo, Ortezzano è un paese ricco di storia con un passato che affonda le sue radici in un’epoca lontana, quando a dominare questo tratto delle Marche era il popolo dei Piceni. Una storia antica che ha lasciato tracce indelebili a partire dai resti del Castello con la torre ghibellina (simbolo del paese), le mura quattrocentesche, i portali e le volte in stile gotico; e ancora le chiese del Carmine – che conserva xilografie del Ceschini e una tela marattesca – quella parrocchiale di San Girolamo e quella di Santa Maria del Soccorso. Merita una visita anche il Monumento ai Caduti di tutte le guerre, ideato e creato dall’artista Marcello Savini, scultore e pittore di grande fama, nato ad Ortezzano nel 1928 e scomparso nel 1995; e ancora la casa natale dell’insigne latinista Giuseppe Carboni, nato ad Ortezzano nel 1856. Per chi volesse invece andare alla scoperta delle tracce lasciate in questo territorio dal Piceni c’è la contrada di Cisterna, primo insediamento dell’antico popolo nella zona

 

Carretto-siciliano Fuoriporta

Carretto Siciliano: alla scoperta delle tradizioni contadine

Museo Etnografico Nunzio Bruno di Floridia

Un viaggio nella Sicilia contadina, negli oggetti quotidiani della vita di braccianti e artigiani nelle botteghe e nelle masserie dell’altipiano Ibleo: è quello che propone il Museo Etnografico Nunzio Bruno di Floridia, in provincia di Siracusa, aperto al pubblico nel maggio 2004 in Piazza Umberto dopo la fusione di due immobili di pregio storico.

Più che un semplice Museo, l’esposizione rappresenta un’importante chiave di lettura antropologica e culturale della storia della comunità floridiana: la struttura è divisa in un piano terra composto da sei sale dedicate all’esposizione permanente e in un primo piano suddiviso dove trovano posto una piccola biblioteca, e una sala polifunzionale. Gli oggetti esposti, appartenenti alla lavorazione del grano, all’allevamento e all’aggiogo del bestiame, alla pastorizia e ai cicli artigianali del calzolaio, dell’apicoltore, dello stagnino, del bottaio, dell’arrotino, del sarto, del cestaio e della tessitura sono arricchiti da collezioni di ceramica d’uso popolare, di vecchi giocattoli, di reperti litici ed attrezzi e utensili del frantoio e del palmento. Ma non solo: visitando il museo è possibile scoprire da vicino anche la storia del carretto siciliano, la cosiddetta bottega del carradore.

La costruzione di questo mezzo di trasporto noto in tutto il mondo è infatti documentata in tutte le sue fasi, dalle forme lignee per la manifattura al pezzo più pregiato: un tornio per la creazione delle parti tondeggianti risalente al 1880, ideato e usato nella bottega del “mastru fa carretta” (maestro carradore) Don Salvatore Rizza, il cui carretto è esposto nell’androne del Palazzo Municipale di Catania. Si possono ammirare singole parti del carro, come i portelli e laterali dipinti finemente, le casse d’asse, gli arabeschi di ferro battuto simili a merletti fino a varie tipologie di carretti: il classico carretto dipinto e quello dell’apicoltore. Tutto il materiale recuperato proviene da diverse botteghe artigiane di Floridia e dal territorio circostante ma anche da una costante e intelligente opera di salvaguardia.

arazzi_fuoriporta

Alle porte di Asti per immergersi nella magia dell’arte dell’arazzo

Un museo e laboratorio d’arte dedicato a un’arte antica: l’arazzo. Alle porte di Asti, nella splendida cornice della Certosa di Valmanera, un antico monastero costruito in tempo imprecisato dai monaci vallombrosani e successivamente passato ai certosini che l’abitarono fino all’epoca napoleonica, è nata una quarantina di anni fa l’Arazzeria Scassa. Un laboratorio per la tessitura ad “alto liccio” di arazzi contemporanei e per la pulizia e il restauro di opere antiche, prima di tutto. Un luogo di antiche tradizioni che negli anni è diventato anche uno spazio espositivo, con la “Galleria degli Arazzi” ospitata in alcune sale comunicanti con i locali del laboratorio di tessitura, che nel 2002 si è trasformata nel Museo degli Arazzi Scassa.

La visita al Museo, arricchito anche di alcune opere concesse in prestito da collezionisti privati, permette di ammirare una raccolta unica, a livello internazionale, per numero di arazzi e per importanza degli artisti “cartonniers” e di scoprire inoltre come avviene il lavoro di tessitura ad “alto liccio”, che è la forma più antica, nobile e lunga della tessitura ad arazzo (per tessere un metro quadrato di arazzo occorrono in media 500 ore di lavoro). Ciò che più sorprende, visitando il Museo, dove sono esposte opere tratte da cartoni di Cagli, Capogrossi, Casorati, de Chirico, Ernst, Kandinsky, Klee, Mastroianni, Matisse, Mirko, Mirò, Piano, Sottsass, Spazzapan, Tadini e Warhol, è che una tecnica rimasta volutamente immutata da secoli, senza nulla alterare della sua strumentalità, si vivifichi nell’incontro con queste nuove invenzioni stilistiche che testimoniano una sensibilità estetica, attuale, diversa che nel passato.