Articoli

Liguria Fuoriporta

Through Via Iulia Augusta the Urbe relives in the heart of Liguria

It is one of the most historical and naturalistic trails of the most evocative of Liguria, easily walkable on foot and characterized by the colors and odors typical of the Mediterranean scrub. It is the ancient Via Iulia Augusta, built in the 13th c. at the will of the Emperor Augusto to connect Rome to the southern Gallia, via Vada Sabatia (today’s Vado Ligure) and the resort of Arles in Provence: a truly fascinating trait between the municipalities of Alassio and Albenga, whose first stage can not to be the little church of Santa Croce in Alassio, whose original building remains the apse and the left flank: from the square in front you can enjoy an extraordinary panorama, which, on clearer days, spends to the mountains of Tuscany and Corsica . After passing a stone arch, the images that accompany the entire path will appear immediately: the sea and Gallinara Island, so called by the Romans for the presence of wild hens. In the first section of the route you can admire the port of Alassio, with the characteristic Cappelletta erected in 1929 in memory of the fallen in the sea. A few hundred meters away you reach the church of Sant’Anna ai Monti, inside which are still visible parts of frescoes of the end of the 15th century / early sixteenth century, plastered after the Council of Trento. Continuing the walk for about 3 kilometers, past a campsite, in some short sections you still love the original Roman paved and a stretch of ancient pavement, characterized by the presence of margins on the sides and transverse cuts for the drainage of the waters. A little further, still in the commune of Alassio, are the remains of the necropolis of the Roman Albingaunum, dating back to the I-II sec. which accompany visitors until the end of the journey with a long series of interesting funerary monuments: the “A” and “B” buildings and a “colombary” tomb (the only one that has been found so far in Liguria). Leaving behind the funerary monuments, you reach S.Martino’s tip, near the “Pylon”, a tomb dating to the 2nd century AD. AD, and the Roman amphitheater. After a short descent, past the modern bridge over the Centa River, you reach Albenga with its historic center and medieval towers.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/eventi/olioliva-imperia-im-13-14-e-15-novembre/

Lake Molveno fuoriporta

Among the Italian lakes, Fuoriporta’s summer continues

“Land of castles, lakes and wines”: no better idea could be made to synthesize Appiano on the Wine Road, a small jewel of the province of Bolzano, just two steps from the Monticolo (small and large) lakes, among coniferous woods hardwoods. A country immersed in uncontaminated nature, within one of the most beautiful landscapes of Trentino-Alto Adige, with almost 200 castles and fortresses and a vast vineyard area, the largest of the whole region. It is therefore compulsory for those who come here to accompany the classic dishes of the local tradition with a good glass of wine, to choose from among the more than 25 wineries scattered throughout the territory; and maybe, besides the narrow streets of the old town, you can also visit the hamlet of Saint Paul with the splendid Church of the Conversion.

Hinge between three regions – Lombardy, Veneto and Trentino-Alto Adige – Garda is the largest Italian lake, and certainly among the most impressive. Here, overlooking the Veronese shore, stands Torri del Benaco, which is undoubtedly one of the most interesting towns on the eastern coast. A true paradise, thanks to modern facilities and immersed in the greenery, for lovers of sailing, water skiing, motonautics, fishing and even horse riding. But not only: the ancient village reserves surprises also to lovers of history and culture, if you think that the first settlements of man in the area date up to 2,000 BC! A distant past that is still witnessed by graffiti that are well visible on stone slabs honed by glacial retreat. It is worth a visit to the XIVth Century Scaligero Castle, and the Ethnographic Museum hosted by it, in addition to the Clock Tower and a series of religious architectures of great impact: the Church of San Marco, that of the Holy Trinity at Porto and that dedicated to St. Gregory.

Moving further south and precisely on the west bank of Trasimeno, we are in Castiglione del Lago, immersed in a unique naturalistic setting and with a lovely old town all within the medieval walls. From the three gates of access to the village you can visit the Ducal Palace and the Fortezza, in addition to the church of Santa Maria Maddalena and the ancient Palazzo del Popolo, but of great visual impact is also the panoramic path under the outer walls along the Poggio olived. The village in the province of Perugia, which also offers visitors the opportunity to try out all the water sports, tennis courts and horseback riding, trekking and mountain biking along the cycle path that runs along the lake, is also a very alive village with events that animate the summer (Trasimeno Blues, International Folklore Festival, Roccacinema and Trasimeno Theater) and not only from the April Tulip Festival to the Pleasure of Lake in November.

The last stop of the trip takes us to Lazio and in particular to Bolsena, in the province of Viterbo, on the shores of the homonymous lake. A center full of history with testimonies of a glorious Etruscan and Roman past, and at the same time a city of Mysteries and ancient traditions: here, in fact, originated the ritual of Corpus Christi. Inside the Chapel of the Miracle, in fact, in 1263, an oysters caused a great amount of blood to flow: miraculous evidence was brought to Orvieto and handed over to Pope Urban IV, who the following year established the Corpus Domini feast. A religious architecture with a magical charm, in short, which deserves to be visited like the Church of Santa Cristina and the Convent of Santa Maria del Giglio, while in the center of the village are the fountain of San Rocco, the sixteenth century Palazzo Caposavi and the Palazzo of the Dragon. From an enogastronomical point of view, however, Bolsena is a land of fine oils and wines but is above all the ideal place to taste the fish-based fish cuisine: from cooked-to-grill to eel and vernaccia, without forgetting the pike to the Bolshevese , fillets of fried peaches and “sbroscia”: this is the typical local fishermen soup, based on boiled water with various species of fish and enriched with potatoes, tomatoes, almonds and white wine.

Itinerari

A passeggio tra bellezza e storia a Pietrasanta

Pietrasanta è un tesoro da scoprire anche quando l’effervescenza dell’estate si spegne e le giornate si fanno, pian piano, più uggiose. Sono diversi, infatti, i punti d’interesse che rendono la cittadina versiliese una meta imperdibile per chi ama la cultura e per chi vuol godere della bellezza, che qui si può vivere tutto l’anno, in coppia, in famiglia o anche in un affascinante viaggio solitario.

Ascolta “A passeggio tra bellezza e storia a Pietrasanta” su Spreaker.

Molti di questi luoghi sono raggiungibili in una manciata di passi, ai quattro lati della centralissima piazza Duomo.

Andiamo!

Il Complesso di Sant’Agostino, formato dalla chiesa e dall’attiguo ex convento, con il caratteristico chiostro, è uno dei luoghi più particolari e visitati di Pietrasanta. La chiesa fu edificata nel XIV secolo dai frati agostiniani. Una scalinata in marmo conduce all’interno, dove il pavimento su tre livelli segue la pendenza del terreno ed è costellato da numerose lapidi sepolcrali di antiche famiglie nobiliari.
A fianco della chiesa si trova il convento con il suo splendido chiostro, un susseguirsi di colonne in marmo che, un tempo, era interamente affrescato dal pittore senese Astolfo Petrazzi con episodi della vita di Sant’Agostino, opere rimaste, in parte, ancora visibili. Il complesso è oggi sede del centro culturale “Luigi Russo”, della biblioteca comunale e del caratteristico Museo dei Bozzetti “Pierluigi Gherardi”.
Proprio qui si perfeziona un percorso espositivo unico al mondo, lungo i corridoi del chiostro che offrono al pubblico oltre 1000 opere donate da artisti di tutto il mondo, testimonianza tangibile dell’attività scultorea che ha animato Pietrasanta dall’inizio del Novecento all’età contemporanea.

Fernando Botero, Giò Pomodoro, Igor Mitoraj sono solo alcuni dei grandi artisti che qui si trovano rappresentati da bozzetti in gesso che raccontano la prima idea dello scultore, poi trasformata nelle grandi opere che oggi si trovano in diverse parti del mondo.

Appena usciti dal Sant’Agostino ecco Palazzo Moroni, sede del Museo archeologico versiliese “Bruno Antonucci”. Nato grazie alla raccolta di reperti archeologici riportati alla luce grazie all’attività di ricerca sul territorio della Versilia e nelle aree limitrofe, offre ai visitatori un affascinante percorso dalla Preistoria al Medioevo, dalle punte di freccia e i manufatti in pietra datati all’Età del Rame, fino alle ceramiche rinascimentali dalle ricche lavorazioni e decorazioni. L’edificio, con la sua doppia scala esterna, è uno dei più caratteristici della città, dal punto di vista storico e architettonico.

Sul lato opposto della piazza, Palazzo Panichi ospita invece il museo dedicato a padre Eugenio Barsanti inventore, con Felice Matteucci, del motore a scoppio. Al primo piano sono conservati prototipi e documenti che hanno portato i due inventori italiani alla realizzazione del primo modello funzionante, oltre a una serie di oggetti personali e cimeli. La città di Pietrasanta, dal 2006, celebra i due rivoluzionari progettisti con un Premio internazionale a loro intitolato, riconoscimento a quanti proseguono l’opera di ricerca e perfezionamento dei mezzi a motore.

L’edificio che domina, maestoso, la piazza centrale di Pietrasanta è la Collegiata di San Martino. Gioiello del 1300 rivestito di marmi bianchi, con una facciata dal profilo spiovente impreziosita da numerosi elementi come il raffinato rosone, vari bassorilievi e alcuni stemmi relativi alle dominazioni esercitate, nei secoli, sulla città, accoglie all’interno affreschi, opere scultoree di alto pregio e la venerata reliquia della “Madonna del Sole”.

Sulla sinistra del Duomo si erge, infine, il campanile. Alto 36 metri ed edificato tra la fine del XV° e l’inizio del XVI° secolo, in laterizi rossi, all’interno sviluppa una scenografica scala a forma elicoidale che, senza alcun sostegno al centro, crea l’illusione di portare alle porte del Cielo.

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Parco dei Nebrodi, tra natura e tradizione

Il Parco dei Nebrodi, luogo tra i più incontaminati della Sicilia, se non altro dal punto di vista naturale, è il nostro Fuoriporta per questa settimana. 86000 ettari di superficie, è la più grande area naturale protetta della Sicilia.

Ascolta “Il foliage, l'impietrata, e molto altro nella bella Serra de' Conti” su Spreaker. 

E’ un luogo davvero unico, che mostra un altro lato della Sicilia che probabilmente molti non conoscono.
Chiudi gli occhi e in un attimo ti sembrerà di stare nelle località montane del Nord Europa. Sei in Sicilia!
Qui le temperature in inverno possono raggiungere anche i -10 gradi, vista l’altitudine e i vasti boschi…
Ci sono laghetti, cascate e magnifici punti panoramici, dai quali potrai anche ammirare i maestosi grifoni, che sono stati reintrodotti nel parco qualche anno fa.

I Nebrodi, insieme alle Madonie ad ovest e ai Peloritani ad est, costituiscono l’Appennino siculo. Si affacciano, a nord, direttamente sul Mar Tirreno, mentre il loro limite meridionale è segnato dall’Etna, in particolare dal fiume Alcantara e dall’alto corso del Simeto.

Tra i punti di interesse più belli ti segnaliamo:

Le Grotte del Castro, paradiso dei Grifoni e dell’Aquila Reale. Sono rocce cristalline lisce e lucenti, fatte da calcari dolomitici bianchi e rosa.
Raggiungono un’altezza di 1314 metri. Sulla vetta sono ancora visibili le tracce di un antico centro fortificato, con resti di una fortezza ed una torre di avvistamento, di probabile origine bizantina VI secolo dopo Cristo, circa.
Queste rocche ospitano la grotta del Lauro, ricca di stalattiti e stalagmiti, raggiungibile attraverso un itinerario di tre chilometri che da Alcara Li Fusi si snoda lungo la strada per Portella Gazzana ed oltre, per ancora un chilometro lungo un tortuoso ed impervio viottolo.

C’è poi la Cascata del Catafurco, la più bella dei Nebrodi, meta perfetta per piacevoli trekking immersi nella natura. E’ possibile scegliere tra due differenti percorsi che giungono sino alla cascata. Due piacevoli passeggiate adatte a chiunque goda di buona forma fisica. Chi desidera arrivare a destinazione più rapidamente può imboccare la vecchia trazzera che parte da contrada San Basilio e che, con 4 chilometri di cammino, conduce sino alla cascata. Lungo il tragitto si potranno ammirare l’antico villaggio dei pastori in Contrada Molisa, oggi in parte abbandonato, dove sono ancora visibili le casupole in pietra edificate senza l’ausilio della malta e i caratterstici “pagghiari”(i pagliai) utilizzati dai pastori come riparo. Per far ritorno a contrada San Basilio si potrà seguire lo stesso percorso a ritroso. Chi, invece, ama camminare potrà intraprendere il suggestivo percorso ad anello di 11 chilometri che parte da Portella “Addrichi”, nel territorio di Galati Mamertino, a poca distanza dall’Area del Capriolo e percorre un sentiero sterrato per circa 7 chilometri prima di arrivare alla Cascata, dalla quale, poi, si potrà imboccare la trazzera che attraversa il villaggio di Molisa per far ritorno a Contrada San Basilio.

L’ultima tappa che noi ti consigliamo di non perdere è il Lago Biviere. Qui il telefono non prende quindi studia la zona prima di partire.
Il posto è meravigliosa ricco di natura e animali. Il lago è circondato da uno steccato e filo spinato, non è necessario scavalcare, c’è un cancelletto in pali di legno percorrendo la strada verso floresta. Guarda la mappa in versione fotografica e vedrai i sentieri e gli ingressi attorno al lago.

Prima di andar via, scopri la millenaria civiltà dei contadini e dei pastori nebrodensi che si riflette in numerose produzioni artigianali. Ricami di tovaglie e lenzuola eseguiti a mano, ceste e panieri di giunco o canna, oggetti per uso agricolo in legno o ferla, lavorazione della pietra e del ferro battuto, realizzazioni, con antichi telai, di colorate stuoie e tappeti (pizzare), produzione di pregevoli ceramiche sono i segni tangibili dell’operosità e della fantasia del popolo dei Nebrodi.

I prodotti alimentari... buonissimi: il dolce o piccante canestrato, il gustoso pecorino, la profumata provola e la delicata ricotta vengono, ancora oggi, lavorati dalle sapienti mani dei pastori. Le produzioni d’olio d’oliva, miele, nocciole, pistacchio e frutti di bosco; saporite le conserve dei pomodori, funghi e melanzane; molto apprezzati i dolci con pasta reale, chiacchiere, ramette, crispelle, latte fritto, giammelle, pasta di mandorle.

Un buon Fuoriporta non può che chiudersi a tavola!

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Ortucchio (AQ), immersi nella bellezza dell’Abruzzo

C’è una piccola Ortygia anche nel cuore della marsica abruzzese. No, non stai per scoprire l’isola che costituisce la parte più antica della città siciliana di Siracusa. Ma ti parliamo di Ortucchio, il borgo sorto sul lago prosciugato.

Ascolta “Ortucchio, il luogo perfetto per immergersi nella bellezza dell’Abruzzo” su Spreaker.

Prima che il lago del Fucino si prosciugasse, Ortucchio era infatti un’isola. E fu il filologo Pietro Marso a paragonarla all’isola di Ortygia, da cui acquisì il toponimo medievale “perpendicolare all’acqua”.

Oggi il lago non c’è praticamente più, ma Ortucchio è più viva che mai. Ed è pronta ad accoglierti con le sue meraviglie, a partire dal Castello Piccolomini, ultimato nel 1448 e confinante proprio con il lago prosciugato: potrai raggiungere la parte più alta della struttura, e da lì ammirare tutta la piana del Fucino e il sottostante laghetto naturale, con il parco annesso.

Ti renderai subito conto di essere capitato in un posto magico, su un maniero costruito su uno sperone roccioso e progettato per vivere in simbiosi con le acque del lago: in Italia c’è solo un altro castello dotato di una darsena interna, quello Scaligero di Sirmione.
E poi, che dire delle caratteristiche grotte che circondano il paese? La più importante è quella dei porci, dove tanti anni fa fu rinvenuto un teschio del neolitico. E poi ci sono le grotte Maritza, La Penna, La Cava e La Punta.
Luoghi incantevoli dove tornerai indietro nel tempo, che testimoniano come, sin dal Paleolitico superiore, le popolazioni provenienti dalla costa abruzzese avessero scelto di vivere in questa zona, grazie alle favorevoli condizioni ambientali e climatiche del territorio circostante il lago Fucino.

Già, le condizioni climatiche. Anche da questo punto di vista, a Ortucchio il tempo sembra essersi fermato. Oggi come allora, qui l’aria è salubre e sempre fresca, al punto che le piscine all’aperto a disposizione dei visitatori sono riscaldate anche d’estate. Un tempo il lago del Fucino era talmente vasto da essere il terzo più grande d’Italia: ora è rimasto solo un piccolo specchio d’acqua, il laghetto di Ortucchio, che in pratica è il “discendente” del gigante che iniziò a essere prosciugato già ai tempi degli Antichi Romani.

Ma il laghetto, oggi, è uno dei cuori pulsanti del borgo abruzzese: qui potrai scoprire il parco cittadino, la pista ciclabile e le piscine riscaldate, mentre i più piccoli potranno divertirsi con tanti giochi loro dedicati.

Se ami lo sport all’aria aperta, Ortucchio è il posto che fa per te: non solo per il clima ideale ma anche per il Parco Piscine comunale, un polmoncino verde gestito da un’associazione locale; e ancora per i tanti sentieri montani da percorrere in bicicletta, magari fino al rifugio in località Pietra Scritta. Se ti muovi in camper troverai una comoda area attrezzata. E al punto informazioni della Proloco, allestito presso l’Antico Mulino, troverai sempre qualcuno pronto a guidarti in un magico mondo. Quello di Ortucchio, il borgo sorto sul lago prosciugato.

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Montone, dove tutto è possibile

Siamo in Umbria, il cuore verde d’Italia, lì dove gli Appennini si addolciscono in una distesa di morbide colline. Dove lo sguardo si perde nella bellezza. Dove la forchetta tintinna tra piatti colmi di bontà. E qui, che fa capolino, graziosa e invitante, la bella e ancor medievale Montone che con la sua forma di ellisse, ci racconta eloquentemente le sue origini. Dalle opere di scuola del Perugino e del Signorelli, ai sentieri immersi nel paesaggio verde, Montone sarà la tua scoperta!

Ascolta “Montone, dove tutto è possibile” su Spreaker.

Il suo nome tuona nella storia perugina.
E’ qui che nasce uno dei condottieri più vigorosi di allora: Braccio da Montone, di lui questi luoghi parlano sempre, ancora oggi. Raggiungi il punto più elevato del borgo, li vedi quello che resta della Rocca di Braccio? Fu distrutta. Sui suoi resti c’è l’ex convento di Santa Caterina, che oggi ospita l’archivio storico comunale. Uno dei più importanti dell’Umbria, per il ricco patrimonio documentario. Braccio non avrà più la sua Rocca, ma chissà che non apprezzi cosa oggi è diventata…cosi come lo fanno i tanti visitatori che a Montone vogliono tornare, dopo averla conosciuta la prima volta.

E se anche tu, sei tra questi, salta in macchina. Ti aspettiamo!
Prima tappa alla Collegiata di Santa Maria e San Gregorio. Per chi ama il turismo religioso questa è una meta fondamentale nel nostro viaggio a Montone. È qui che è custodita la Sacra Spina, esposta al pubblico solo il lunedì di Pasqua e la penultima domenica di agosto di ogni anno. Ma la bellezza della Collegiata e la sacralità che qui si respira, meritano una visita in qualsiasi momento dell’anno!
La chiesa è ricca di affreschi e tele, come “L’ultima cena” del fiammingo Calvaert, alza gli occhi, è sopra la porta della sagrestia.
Gli apostoli, in attesa della discesa dello Spirito Santo, sono nell’affresco della volta, realizzato da Giovanni Parenti, caposcuola dell’accademia Fiorentina.

Proseguiamo in direzione del Complesso Museale di San Francesco. Qui è lo stile gotico a farla da padrone nella chiesa dedicata al santo. Guarda la gradinata, che spettacolo il panorama!! All’interno troverai numerosi affreschi di scuola umbra. Con l’attiguo ex convento francescano, la chiesa è il nucleo centrale del Polo museale di Montone. Ma non l’unico! Oltre al Polo di Santa Caterina, nell’ex convento sorto sui resti della Rocca di Braccio, c’è il Polo di San Fedele, dove si trova l’auditorium e il piccolo teatro nel quale viene organizzata ogni anno una stagione teatrale che raccoglie danza, musica e spettacoli di prosa.

Montone è il borgo ideale per ogni gusto!
Sosta meritata, dopo quest’immersione d’arte, nell’incantevole piazza di Fortebraccio. È nel cuore del borgo medievale, da dove partono numerosi vicoli fiancheggiati da case con muratura a cortina. E’ un luogo suggestivo, dove è possibile respirare un’atmosfera d’altri tempi. Puoi vedere, svettante tra i vicoli del borgo, l’alta torre civica con l’orologio su una facciata. Viste d’altri tempi!
C’è poi la cinta muraria, in cui si aprono le tre porte, quella del Verziere, di Borgo vecchio e del Monte, che corrispondono ai suoi tre rioni. Da quale vuoi fare il tuo ingresso?

E ora silenzio. La notte cala. Il cielo si riempie di bellezza. Ti portiamo nell’unico luogo dove vorresti stare in questo momento, l’Osservatorio Astronomico del piccolo borgo di Coloti! A Montone c’è davvero tutto, per trascorrere il tempo nel miglior modo possibile. E come Dante e Virgilio, nell’ultimo verso dell’Infermo, anche noi ci fermiamo a “riveder le stelle”.

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Albino e l’occhio etnografico

Siamo nella Valseriana, ad Albino, il centro abitato più grande delle Orobie Orientali. Meta curiosa per il tuo Fuoriporta. Dall’itinerario dedicato alle chiese, alla passeggiata lungo il fiume Serio, o un divertente outdoor nella Valle del Lujo.

Ascolta “Santhia’, dove il carnevale è storico e colossale” su Spreaker.

E’ inoltre d’obbligo la Ciclovia della Valle Seriana che si sviluppa lungo il corso del fiume Serio che offre passeggiate e pedalate nella natura, lontano da traffico ed inquinamento, per riscoprire spazi un tempo abbandonati, ma dal fascino notevole. Ad essa è collegata l’area Prato Alto, una zona di circa 40.000 metri quadrati di notevole importanza naturalistica. Accessibile al pubblico tutto l’anno, conserva quella che un tempo era l’originale copertura forestale della zona lungo il corso del fiume Serio.

Ma noi vogliamo concentrarci su una meta in particolare: il Museo etnografico.

Racconta i manufatti, elemento che meglio di qualsiasi altro dà voce al lavoro e alla cultura popolare locale, in particolare alla civiltà contadina.

E’situato a Comenduno nell’edifcio con la torre, una dipendenza della Villa Briolini Regina Pacis, ora di proprietà del Comune di Albino, un tempo utilizzato per raccogliervi la parte padronale dei generi prodotti dai mezzadri dei Briolini, industriali della seta.

Gli allestimenti museali sono suddivisi in sei diversi ambienti della villa Briolini Regina Pacis.
Al piano terreno dell’edificio con la torre, potrà essere seguita la sequenza granoturco-frumento, che documenta compiutamente le fasi lavorative necessarie alla produzione di farine alimentari partendo dalla terra che il contadino aveva in dotazione.
Ci sono poi…

CASA CONTADINA
Al primo piano si possono ripercorrere gli ambienti di una casa contadina, dove le famiglie contadine vivevano e lavoravano, dove sono esposte le attrezzature che vi trovavano posto.
I materiali esposti evidenziano anche l’evoluzione intervenuta nel periodo considerato.

CANTINA
In quella che era la cantina sotterranea della villa abbiamo ricreato una cantina-tipo, dove si trasformava l’uva in vino e dove si maturavano insaccati e prodotti caseari.

In altri locali della villa sono stati allestiti spazi espositivi che documentano le varie attività artigianali un tempo esistenti in valle: quelle del calzolaio, dello zoccolaio, del falegname, del tornitore, del fabbro, del fabbricante di orologi da torre.

Il museo, che dispone anche di una raccolta di orologi da torre prodotti ad Albino, è aperto la domenica dalle 10 alle 12, mentre negli altri giorni è visitabile su richiesta.

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Etna, tra miti e leggende, lo sci è con vista Ionio

Tempo di neve, tempo di Etna. Chi lo ha detto che per sciare si deve andare solo al nord. Il Monte Etna
o Muncibbeddu in siciliano ovvero Mongibello è la meta ideale se vuoi andare nella bella Sicilia, di cui è simbolo nel mondo.

Listen to “Piobbico, il regno dei brutti e di tanta bellezza” on Spreaker.
 

E’ il più grande vulcano attivo in Europa, oltre che uno dei più alti. Inserito dal 2013 nella World Heritage List UNESCO. Ricco di bellezza, storia e miti … si dice che l’attività di ceneri ed eruzioni laviche del vulcano sarebbero il ‘respiro’ infuocato del gigante Encelado, sconfitto da Atena e intrappolato per l’eternità in una prigione sotterranea sotto il Monte Etna, e i terremoti sarebbero causati dal suo rigirarsi tra le catene.

Vuoi avere il privilegio di sciare sul vulcano più attivo del continente? È possibile sia sul lato nord che sul lato sud dell’Etna. Vuoi osare?

Un po’ di numeri

Il Monte Etna si trova sulla costa orientale della Sicilia ed è il vulcano tra i più attivi del globo. Grazie ai 2700 anni di attività eruttiva, l’altezza massima del cono vulcanico oggi supera i 3300 metri di altitudine su circa 45 km di diametro di base. Tali dimensioni lo rendono il vulcano terrestre più imponente d’Europa e dell’intera area mediterranea.

Inserito nella Riserva Naturale del Parco dell’Etna, caratterizzata da formazioni rocciose sia piroclastiche sia laviche, profondi canyon e dalla Grotta del Gelo, una cavità in cui si è formato un ghiacciaio perenne, troviamo la Valle del Bove, una depressione vulcanica con la forma di un’enorme conca situata sul versante orientale del vulcano.

Attività

Tra le attività più amate in quest’area ci sono le escursioni sull’Etna: il Parco e il vulcano sono esplorabili lungo numerosi sentieri naturalistici aperti a tutti, ideali per godere di un panorama indimenticabile.
Oltre alle passeggiate, potrete scegliere di fare un trekking sull’Etna per esperti, o di inforcare una bici.

Dove sciare

Un’esperienza incredibile, infine, è sciare sull’Etna: i comprensori sciistici sono quello di Nicolosi, tra i 1910-2700 metri, e quello di Piani di Provenzana – Linguaglossa, tra i 1800-2317 metri.

L’area Etna-nord offre la possibilità di sciare partendo da quota 1800 metri e arrivare a quota 2400 metri con 3 skilift e una seggiovia con 4 piste rosse e 2 blu. Inoltre si può anche praticare lo sci di alpinismo, disciplina che ti fa provare a 360° l’adrenalina di sciare su un vulcano attivo come l’Etna.

Il primo comprensorio, di maggiori dimensioni, si estende da Nicolosi sino ai 2700 metri in località Montagnola comprendendo una telecabina a sei posti, una seggiovia biposto e 3 skilift su 3 piste rosse ed una blu, per lo sci alpino. Dagli impianti è possibile raggiungere le principali piste sciistiche a quote diverse:
– con le telecabine si raggiunge la pista “Piccolo rifugio” a quota 2.500 m (lunghezza 2.700 m – dislivello 580 m – pista colore rosso);
– con la seggiovia si raggiunge quota 2.142 m (lunghezza della pista 865 m – pista colore rosso);
– con lo skilift Omino si raggiunge quota 2.294 m (lunghezza della pista 1.992 m – pista colore rosso);
– la Montagnola parte da quota 2.500 m fino a quota 2.604 m.

La seconda skiarea Conserva Etna Nord Linguaglossa Piano Provenzana è dotata di una seggiovia quadriposto e 3 skilift che servono 4 piste rosse e 2 blu per la discesa.

Mentre a Nicolosi il versante è privo di vegetazione, le pinete ricoprono Provenzana da cui si ammira il mare Ionio. Coloro che preferiscono lo sci nordico trovano percorsi naturali designati dall’ente parco e dalla forestale a Piano Vetore (vicino a Nicolosi), a Piano Provenzana e nell’anello nel territorio di Maletto.

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Villaggi rupestri, connutti, arte e bellezza a Vignanello

Immersa nella Tuscia, eccola lì, che svetta nel verde, tra le scenografiche forre che caratterizzano la zona, è Vignanello. Meta viterbese già molto nota, infatti non ti parleremo delle sue bellezze più blasonate, ma vogliamo raccontarti di quei luoghi, più piccini, che a noi piacciono tanto…

Ascolta “Villaggi rupestri, connutti, arte e bellezza a Vignanello” su Spreaker.

Accompagnaci. Entriamo nel villaggio rupestre di San Lorenzo. Non sarà facile da trovare. Munisciti di mappe e navigatore! Qui ci sono le grotte che prendono il nome del santo, non sono tra le più conosciute, ma belle anche per questo. Qui c’era un insediamento monastico organizzato sul lavoro agricolo, una realtà autosufficiente, con disponibilità di acqua, prossima alle vie di comunicazione e tuttavia mimetizzata sulla parete di una valletta. Un nucleo abitato che comprende la necropoli, i depositi di derrate, gli ambienti residenziali domestici, la cappella, le stalle e aree rustiche per il lavoro dei prodotti dei campi. Se aggiungi la presenza di affreschi, troverai più di un motivo per organizzare un’interessante passeggiata dedicata all’archeologia medievale.
Sbalordito, vero?
Ma proseguiamo…

Dal Molesino, alla Valle della Cupa, di Cenciano e di San Rocco, tutte aree archeologiche di inestimabile valore, se ne possono visitare delle parti, grazie all’Associazione ‘I Connutti’ fatta di volontari vignanellesi, che hanno reso parzialmente percorribili una serie di cunicoli di epoca falisco-etrusca, chiamati non appunto i Connutti, che attraversano il sottosuolo del paese, congiungendo il Castello Ruspoli alla Chiesa Collegiata e diramandosi poi per qualche chilometro verso le campagne e il paese confinante. Che fascino!

Certo, a Vignanello si deve venire con scarpe comode e con il mood di Indiana Jones!

Se ami invece l’architettura religiosa, qui c’è la chiesa di San Sebastiano, datata 1625, che custodisce una Vergine Maria con San Sebastiano e San Francesco attribuita al Pomarancio. Ma non è certo di quale, dei tre artisti toscani noti con questo soprannome, si tratti. Sbricia!
Di scuola bolognese, c’è invece la Vergine nella chiesa di San Giovanni Decollato.

La terra falisca dove svetta Vignanello è immersa in un’atmosfera fiabesca tra vicoli e cantine scavate nel tufo e il castello Ruspoli con il suo suggestivo giardino all’Italiana.
Tra le tradizioni che caratterizzano questo delizioso spicchio di Tuscia, c’è il vino.
Risale almeno al secolo IV a.C., come suggerisce il ritrovamento nella necropoli del Molesino di uno stamnos falisco a figure rosse, in cui Dioniso rivela a suo figlio Oinopion il segreto per la produzione del vino. Lo stamnos è esposto nel Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, a Roma. Ci andrai dopo la vostra visita a Vignanello!
Il commercio di vino più consistente è da sempre stato diretto verso la Capitale e il Greco di Julianellum, antico nome di Vignanello, appare sulle mense dell’aristocrazia ecclesiastica ad opera di Ortensia Farnese che governò il paese nel XVI secolo.

Cin Cin!
Termina il tuo giro vignenellese nel centro storico. Da Piazza della Repubblica, proprio di fronte ad una delle chiese più graziose del paese, la Collegiata di Santa Maria delle Presentazione fino ad arrivare alla Chiesa di San Sebastiano, esempio di creatività barocca. I vicoli. Le botteghe. Comignoli fumanti. Non vedrai l’ora di tornare, non appena sarai risalito in macchina.
Per prenotare tutte le visite che vorrai, nella bella Vignanello, chiama il numero della Biblioteca Comunale 0761 75 43 39

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Zuppa di cicerchia... freddo non ti temo!

Gusto e storia a Serra de’ Conti. L’itinerario di gusto

Non c’è autunno senza cicerchia!
Siamo nelle Marche, in uno spicchio di terra tra le colline, terra magica che anno dopo anno fa sbocciare un’eccellenza, un legume antico che è tornano alla luce, grazie alla dedizione e alla volontà di Serra de Conti. È qui che siamo, ed è qui che vi vorremmo tutti.

Ascolta “La cicerchia, storia è gusti di Serra de’ Conti” su Spreaker.

Qui c’è la cicerchia bbbbbuona. Con cinque “b”. Ma potrebbero anche essere di più, le “b”. Perché più buona di quella di Serra de Conti non troverai.
Viene servita in tanti modi, ma quello che più di ogni altro ci piace da impazzire è nella pagnotta svuotata dalla mollica e ripiena di zuppa calda di cicerchia.
L’acquolina è in bocca al sol pensiero!

Non è facile spiegare il valore della cicerchia, perché non solo è buona e ha una quantità di proprietà organolettiche da far sobbalzare anche i più integralisti della sana alimentazione… ma la cicerchia sta a Serra de Conti come…. Diciamolo pure, con onestà e umiltà, ebbene come il Colosseo sta a Roma.

Infatti devi venire per credere! Assaggiala e ci dirai! La cicerchia ti aspetta ogni anno, l’ultimo fine settimana del mense di novembre.

Conosciuta e ampiamente utilizzata già dagli antichi Romani la cicerchia è un legume che ha pochi grassi e molti amidi e, averla in dispensa, costituiva una garanzia per l’imminente inverno perché ha un buon rapporto proteico superiore del 30% a quello dei ceci, del pisello e della lenticchia. Prendi nota, raccontalo in giro, farai un figurone!

Divenuta oggi elemento di identità delle Terre del Verdicchio, la cicerchia è un legume antico che cresce anche nei terreni marginali e più impervi: simboleggia quindi la volontà di resistere anche in situazioni avverse e festeggiarla in questo momento storico, è davvero di buon auspicio, ancor più tenerne una scorta a casa! Vieni a Serra de Conti con iul bagagliaio vuoto!

Di cantina in cantina sarà un viaggio nel sapore delle Marche, di cui la cicerchia è regina indiscussa. Ma c’è anche il Lonzino di Fichi, non che sia un concorrente, ma a gusto… se la batte dignitosamente. C’è la Sapa… non sai cos’è. Non te lo sveleremo, dovrai esser presente a Serrà de Conti per la Festa di sua maestà la Cicerchia.
Non perderti tra una passeggiata e l’altra un goccino, anche un po’ di più, di vino di visciola… toccherai il ciel con un sol dito!

La panza è dunque piena. Idee per smaltirla e non vedere i draghi durante il sonno? A Serra de’ Conti meritano una visita il Museo delle Arti Monastiche, una struttura unica nel suo genere che racconta oltre cinque secoli di vita claustrale attraverso gli oggetti della vita quotidiana e delle attività manuali delle monache, oltre al Chiostro di San Francesco annesso al Palazzo Comunale, al Monastero di Santa Maria Maddalena e al percorso panoramico di San Paterniano.

È tutto chiaro? Ti abbiamo informato per bene sulla cicerchia? Riascolta il podcast, che poi a Serra de Conti, prima di entrare ti interrogheremmo!

Scopri gli itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Cameri tra sacro, profano e outdoor… siamo a Novara!

I primi abitanti del territorio di Cameri furono i Liguri-Levi, ma sulle origini del nome, che alcuni ritengono romane, altri celtiche, esistono diverse versioni. Una prima attribuisce il nome Cameri a “Campo di Marte”, luogo presso il Ticino dove Scipione si fermò nella battaglia contro Annibale.

Ascolta “E oggi siamo nel Castello di Compiano “dove il tempo si è fermato”.” su Spreaker.

Storia a parte, Cameri cittadina piemontese, ma a pochi passi dalla lombarda Milano, è una meta per il Fuoriporta in cui poter scoprire architetture religiose e civili, tra queste la Chiesa di San Michele Arcangelo che per gli amanti del genere è una ghiotta destinazione. Qui sono conservate diverse opere di pregio, tra le quali l’altare maggiore, risalente al 1866, l’organo, costruito dalla ditta Bernasconi e inaugurato il 2 aprile 1902, e la statua lignea raffigurante la Beata Vergine Maria, intagliata da Francesco Sella.

Dal sacro al profano, passiamo alla scoperta di Villa Picchetta assegnata un tempo come compenso di servizi bellici ai Cid, famiglia di Saragozza, abitante a Milano, che intraprese numerose opere di bonifica nel territorio e di ampliamento dell’edificio stesso, fino a quando nel 1649 passò per eredità, ai Gesuiti di Novara.

Di mano in mano, la villa oggi è inserita nel Parco Naturale del Ticino e a Giugno, per i fortunati amanti dei Fuoriporta che qui verranno, c’è un angolo della Provenza che li attende, perchè il territorio si riempie di lavanda.
D’altronde la passione di quest’angolo della provincia novarese per i fiori nasce da lontano. Leggiamo da documentazioni che il “Palatium Pichette” era circondato da giardini fioriti e piantumati con alberi da frutto già nei secoli scorsi.

Un po’ di outdoor non può mancare nelle passeggiate Fuoriporta.
La ciclovia del Villoresi è un itinerario ciclabile di circa 100 km che collega la diga del Panperduto, dove nasce il canale Villoresi, e il fiume Adda a Groppello, frazione del comune di Cassano d’Adda. Il percorso si svolge per buona parte su sede propria ma alcune parti seguono strade promiscue a bassa percorrenza. Iniziando questo viaggio in bici dal Ticino, al confine con il Piemonte, si pedala sempre in pianura superando Monza, Gessate e giungendo sull’Adda.

Lo sai che?
Il Villoresi è un canale d’irrigazione ideato da Eugenio Villoresi, un ingegnere lombardo che visse nel XIX secolo. Terminato nel 1890, ad oggi risulta essere il secondo canale artificiale più lungo d’Italia dopo quello Emiliano – Romagnolo, il canale nasce dal fiume Ticino, al confine tra Piemonte e Lombardia. Il viaggio del Villoresi inizia alle dighe del Pan Perduto, nella provincia di Varese e termina a Cassano d’Adda, quando l’acqua del canale, dopo 86 km in linea retta, entra nel fiume Adda, dove corre anche la ciclovia dell’Adda.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Valvasone (PD) tra chiese e Medioevo, la finestra sul Friuli

Sulla destra del Tagliamento, a ridosso dell’antico guado che permetteva il passaggio di viandanti e pellegrini, c’è la bella e ancora visibilmente medievale Valvasone. Graziose calli e piazze con le antiche dimore munite di portici e preziosi decori, le sue chiese e il suo imponente maniero.

Ascolta “Autunno in Val di Rabbi” su Spreaker.

Il castello è il fulcro che diede vita al primo nucleo del borgo di Valvasone. Fu costruito nella seconda metà del ‘200 grazie a Corrado di Valvason. Ha subito nel corso dei secoli notevoli modifiche, oggi è un grazioso palazzo rinascimentale. Anche Napoleone Bonaparte passò da qui nel marzo del 1797.
Al suo interno potrai ammirare un prezioso teatrino, ad uso privato, di fine ‘700 attorniato da uno splendido fregio più antico, risalente alla fine del ‘500, affrescato con putti e scene tratte dalla mitologia classica. Nei piani superiori sono ospitati un oratorio dedicato all’Immacolata con stucchi tardo seicenteschi di Bernardo Barelio, saloni con soffitti lignei cinquecenteschi e con decorazioni neoclassiche attribuite a Domenico Paghini.
Immancabile è il Duomo del Ss.mo Corpo di Cristo. Deve la sua edificazione e la sua intitolazione alla reliquia della Sacra Tovaglia conservata al suo interno. Stupendo è l’organo monumentale che vi troverai, unico esempio esistente in Italia dell’arte organaria veneziana del ‘500, ancora funzionante nei suoi elementi originali.

Immancabile un salto nell’ex Chiesa di San Giacomo, all’interno sono stati riportati alla luce gli antichi affreschi e il basamento dell’antico altare.
C’è poi l’antica Chiesa dei SS. Pietro, Paolo e S. Antonio Abate con pregevoli affreschi come la Crocifissione di Scuola Tolmezzina di metà ‘300 e, sulla parete sinistra, una serie di Santi realizzati agli inizi del ‘500.

Il Chiostro e Convento dei Servi di Maria è l’ultima tappa a Valvasone da non perdere. Il convento, in parte ricostruito sulle antiche fondamenta, è oggi Centro Parrocchiale e ospita diverse manifestazioni paesane.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel