Articoli

Liguria Fuoriporta

Through Via Iulia Augusta the Urbe relives in the heart of Liguria

It is one of the most historical and naturalistic trails of the most evocative of Liguria, easily walkable on foot and characterized by the colors and odors typical of the Mediterranean scrub. It is the ancient Via Iulia Augusta, built in the 13th c. at the will of the Emperor Augusto to connect Rome to the southern Gallia, via Vada Sabatia (today’s Vado Ligure) and the resort of Arles in Provence: a truly fascinating trait between the municipalities of Alassio and Albenga, whose first stage can not to be the little church of Santa Croce in Alassio, whose original building remains the apse and the left flank: from the square in front you can enjoy an extraordinary panorama, which, on clearer days, spends to the mountains of Tuscany and Corsica . After passing a stone arch, the images that accompany the entire path will appear immediately: the sea and Gallinara Island, so called by the Romans for the presence of wild hens. In the first section of the route you can admire the port of Alassio, with the characteristic Cappelletta erected in 1929 in memory of the fallen in the sea. A few hundred meters away you reach the church of Sant’Anna ai Monti, inside which are still visible parts of frescoes of the end of the 15th century / early sixteenth century, plastered after the Council of Trento. Continuing the walk for about 3 kilometers, past a campsite, in some short sections you still love the original Roman paved and a stretch of ancient pavement, characterized by the presence of margins on the sides and transverse cuts for the drainage of the waters. A little further, still in the commune of Alassio, are the remains of the necropolis of the Roman Albingaunum, dating back to the I-II sec. which accompany visitors until the end of the journey with a long series of interesting funerary monuments: the “A” and “B” buildings and a “colombary” tomb (the only one that has been found so far in Liguria). Leaving behind the funerary monuments, you reach S.Martino’s tip, near the “Pylon”, a tomb dating to the 2nd century AD. AD, and the Roman amphitheater. After a short descent, past the modern bridge over the Centa River, you reach Albenga with its historic center and medieval towers.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/eventi/olioliva-imperia-im-13-14-e-15-novembre/

Lake Molveno fuoriporta

Among the Italian lakes, Fuoriporta’s summer continues

“Land of castles, lakes and wines”: no better idea could be made to synthesize Appiano on the Wine Road, a small jewel of the province of Bolzano, just two steps from the Monticolo (small and large) lakes, among coniferous woods hardwoods. A country immersed in uncontaminated nature, within one of the most beautiful landscapes of Trentino-Alto Adige, with almost 200 castles and fortresses and a vast vineyard area, the largest of the whole region. It is therefore compulsory for those who come here to accompany the classic dishes of the local tradition with a good glass of wine, to choose from among the more than 25 wineries scattered throughout the territory; and maybe, besides the narrow streets of the old town, you can also visit the hamlet of Saint Paul with the splendid Church of the Conversion.

Hinge between three regions – Lombardy, Veneto and Trentino-Alto Adige – Garda is the largest Italian lake, and certainly among the most impressive. Here, overlooking the Veronese shore, stands Torri del Benaco, which is undoubtedly one of the most interesting towns on the eastern coast. A true paradise, thanks to modern facilities and immersed in the greenery, for lovers of sailing, water skiing, motonautics, fishing and even horse riding. But not only: the ancient village reserves surprises also to lovers of history and culture, if you think that the first settlements of man in the area date up to 2,000 BC! A distant past that is still witnessed by graffiti that are well visible on stone slabs honed by glacial retreat. It is worth a visit to the XIVth Century Scaligero Castle, and the Ethnographic Museum hosted by it, in addition to the Clock Tower and a series of religious architectures of great impact: the Church of San Marco, that of the Holy Trinity at Porto and that dedicated to St. Gregory.

Moving further south and precisely on the west bank of Trasimeno, we are in Castiglione del Lago, immersed in a unique naturalistic setting and with a lovely old town all within the medieval walls. From the three gates of access to the village you can visit the Ducal Palace and the Fortezza, in addition to the church of Santa Maria Maddalena and the ancient Palazzo del Popolo, but of great visual impact is also the panoramic path under the outer walls along the Poggio olived. The village in the province of Perugia, which also offers visitors the opportunity to try out all the water sports, tennis courts and horseback riding, trekking and mountain biking along the cycle path that runs along the lake, is also a very alive village with events that animate the summer (Trasimeno Blues, International Folklore Festival, Roccacinema and Trasimeno Theater) and not only from the April Tulip Festival to the Pleasure of Lake in November.

The last stop of the trip takes us to Lazio and in particular to Bolsena, in the province of Viterbo, on the shores of the homonymous lake. A center full of history with testimonies of a glorious Etruscan and Roman past, and at the same time a city of Mysteries and ancient traditions: here, in fact, originated the ritual of Corpus Christi. Inside the Chapel of the Miracle, in fact, in 1263, an oysters caused a great amount of blood to flow: miraculous evidence was brought to Orvieto and handed over to Pope Urban IV, who the following year established the Corpus Domini feast. A religious architecture with a magical charm, in short, which deserves to be visited like the Church of Santa Cristina and the Convent of Santa Maria del Giglio, while in the center of the village are the fountain of San Rocco, the sixteenth century Palazzo Caposavi and the Palazzo of the Dragon. From an enogastronomical point of view, however, Bolsena is a land of fine oils and wines but is above all the ideal place to taste the fish-based fish cuisine: from cooked-to-grill to eel and vernaccia, without forgetting the pike to the Bolshevese , fillets of fried peaches and “sbroscia”: this is the typical local fishermen soup, based on boiled water with various species of fish and enriched with potatoes, tomatoes, almonds and white wine.

Itinerari

Autunno in Val di Rabbi, tutto da vivere

Ogni stagione ha il suo fascino. L’autunno non si pavoneggia come fa la primavera con i fiori che germogliano ovunque, oppure come fa l’estate che ci tinge d’oro, o l’inverno che ci coccola con il suo calore natalizio. L’autunno è la stagione dall’eleganza silenziosa.

Ascolta “Autunno in Val di Rabbi” su Spreaker.

Siamo in Val di Rabbi. Dove l’autunno ha un fascino unico.

Cielo azzurro intenso, crepitio delle foglie che cadono ondeggiando al suolo. Estrema e selvaggia bellezza dell’incontaminata valle del Trentino. Sono tanti gli spettatori che accorrono, per apprezzarla, ma in in prima fila ci sono loro, le queen del posto. Le mucche che dagli alpeggi fanno capolino, per rientrare giù a valle.
Per l’occasione si son vestite a festa. È così prende vita la tradizionale Desmalgada. Un appuntamento unico e sacro per le genti di montagna. Centinaia di mucche verranno condotte dalle malghe di alta quota, nelle quali hanno trascorso i mesi estivi, per essere riportate a valle in attesa di passare i rigidi mesi invernali.

Sfileranno lungo le strade, agghindate con corone di fiori, foglie e campanacci, accompagnate dai loro allevatori e dalla popolazione locale in abiti folkloristici.

È questa l’unicità della Val di Rabbi. Un territorio unico da apprezzare in qualsiasi stagione.

E ora silenzio. Lo senti? È il bramito di un cervo. Un richiamo d’amore selvatico, misterioso e indimenticabile. Un suono primordiale, che si propaga anche a chilometri di distanza tra valli e crinali. Con l’approssimarsi dell’autunno, dalla metà di settembre a ottobre inoltrato, il cervo, maestoso signore delle foreste, entra nel ciclo degli amori, esibendosi in un rituale suggestivo e avvincente.

Siamo in Val di Rabbi, dove l’eleganza dell’autunno fa emozionare ed è un attimo a esser traghettati nel dolce inverno, dopotutto siamo nella Valle dei Presepi, dove i Mercatini di Natale coloranti e scintillanti, fanno breccia anche nel cuore dello scrooge più granitico.

Ogni anno, in questo spicchio di Trentino, si crea un suggestivo percorso che conduce alla Natività, ambientata in un tipico “maso”, lungo un antico sentiero animato da circa 30 personaggi a grandezza d’uomo creati da artigiani e artisti locali, che interpretano i vecchi mestieri della realtà contadina come il taglio della legna, la raccolta dell’acqua e il pascolo.
Il vero fascino della Valle dei Presepi può essere ammirato all’imbrunire, quando si accendono tutte le luci e si crea un’atmosfera davvero unica!

Tra le attività che caratterizzano la Val di Rabbi durante l’inverno c’è la discesa in slittino dalle Malghe. Un momento entusiasmante per grandi e piccini che voleranno tra la neve e in un batter d’occhio saranno davanti a una cioccolata calda. E poi ci sono le ciaspolate, adatte a tutti, dagli amanti della montagna e della neve, a chi vuole trascorrere un giorno all’aria aperta, oppure per godersi la neve fresca e raggiungere anche i luoghi più incontaminati in totale sicurezza.
Per i più preparati, lo sci alpinismo è l’attività migliore per apprezzare la montagna e le discese fuoripista.

Buona Val di Rabbi

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Gerace, la Gerusalemme dello Ionio, che bellezza!

La leggenda narra che intorno al decimo secolo dopo Cristo gli abitanti della vicina Locri, per sfuggire ai sempre più frequenti attacchi dei saraceni, un popolo proveniente da oriente, furono guidati su queste alture calabresi da uno sparviero, in greco Hierax.

Ascolta “Gerace, la Gerusalemme dello Ionio, che bellezza!” su Spreaker.
 

Da qui deriverebbe il nome Gerace, il “borgo dello sparviero” che è pronto a sorprenderti con le sue chiese, i palazzi storici, i panorami mozzafiato e una cucina gustosa e genuina. Dalla sua rupe di arenaria che si staglia a 470 metri di altezza dal livello del mare, il tuo sguardo potrà spaziare dal Parco nazionale dell’Aspromonte, Geosito Unesco al territorio della Locride, fino al mar Ionio.

Una posizione invidiabile ma al contempo nascosta e riparata, che ancora oggi permette a Gerace di mantenersi fuori dalle rotte del turismo di massa e di conservare intatto il suo fascino antico.
Nei suoi vicoli medievali scoprirai perché questo luogo magico è conosciuto anche come “la Gerusalemme dello Ionio”, o “la piccola Firenze del Sud”.

Gerace è la città delle 100 chiese, a partire da quella più grande dell’intera Calabria: la Cattedrale di Santa Maria Assunta, di origine bizantina-normanna, che domina la città alta insieme al castello di origine normanna; ma non dovrai perdere l’occasione di visitare anche la Chiesa dalle pure linee gotiche di San Francesco, quelle bizantine di San Giovannello e dell’Annunziatella, oltre quelle barocche del Sacro Cuore e dell’Addolorata. Una visita meritano pure i diversi conventi siti nel borgo tra cui quello di Monserrato con l’annessa chiesetta.

Qui i Normanni hanno lasciato tracce indelebili della loro presenza: sotto il dominio di Roberto II Guiscardo e successivamente del fratello Ruggiero I, Gerace si è rivelato un luogo strategico per controllare i traffici costieri della Calabria meridionale. Potrai leggere il glorioso passato di questo luogo lungo le sue piazzette, le sue strade ed i suoi muri. In Piazza del Tocco ammira alcuni fra i più importanti palazzi nobiliari, Palazzo Calcheopulo, Palazzo Migliaccio e Palazzo Macrì. I sontuosi palazzi che abbelliscono Gerace sono quasi sempre forniti di portali in pietra lavorata da scalpellini locali, mentre all’interno dei vicoli si trovano numerosi archi a “volta a giustini”, costruiti con una originale tecnica tipica del luogo.

Già, perché Gerace è ancora oggi la città degli artigiani della terracotta: lavorano in grotte scavate nel tufo, continuando una tradizione artigiana molto fiorente nei secoli XVI e XVII e mai andata perduta. Nell’antico borgo si trova anche un’antica fontana del 1606 e, in prossimità del centro abitato, sono stati scoperti i resti di una necropoli, testimonianza di tre diverse epoche: ceramiche del IX secolo a.C., corredi risalenti al VII secolo a.C. e varie suppellettili, di origine greca e italiota, risalenti al VII secolo a.C.

E poi, che dire della cucina? Qui i sapori sono intensi e basati su materie prime di ottima qualità. Avrai davvero l’imbarazzo della scelta tra carni di maiale, paste fatte in casa condite con il sugo di capra, minestre caratteristiche, peperoni e melanzane ripiene, formaggi, vini e olio. E ancora i dolci: dalla cicerata a base di ceci lessi, miele e cannella alle nocatule, delle particolari ciambelle fritte, fino ai rafioli a base di uova e farina, tradizionalmente preparati in occasione dei matrimoni.

Tra i borghi più belli d’Italia, Gerace è pronta a raccontarti la sua storia tra i vicoli, i palazzi, le finestre da cui esce quel profumo di casa che è possibile trovare solo dove il tempo sembra essersi fermato. Nella roccia, tra grotte naturali come in quelle scavate dall’uomo, Gerace è umanità. È calore. È storia.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Pietrasanta, un museo a cielo aperto

Oggi andiamo a Pietrasanta, letteralmente un museo a cielo aperto. Siamo nell’unica città in Italia che ospita oltre 70 monumentali opere di scultura contemporanea, perfettamente incastonati tra piazze, rotonde e colline. Tutti spazi pubblici. Tutti luoghi aperti ai tuoi occhi e alle tue emozioni, siamo nel Parco Internazionale della Scultura Contemporanea.

Ascolta “Pietrasanta, un museo a cielo aperto” su Spreaker.

Pietrasanta e i Maestri scultori hanno da sempre avuto un legame profondissimo che meglio non poteva esprimere la sua forza e la sua essenza con una mostra permanente sotto il cielo di questa graziosa cittadina Toscana.

Se sei un appassionato di arte, Pietrasanta ti aspetta.
Se sei un amante della bellezza Pietrasanta spalanca le sue porte per te.
Se sei un curioso dove andare, se non a Pietrasanta, per trascorrere il tuo tempo libero?

Il Parco Internazionale della Scultura Contemporanea è l’ideale prosecuzione all’aperto del Museo dei Bozzetti per rimarcare la radicata tradizione nel campo della realizzazione di creazioni scultoree. Veramente un’eccellenza italiana!
È dal 2016 che il Parco coinvolge visitatori, che arrivano, si innamorano e ritornano. Perché le oltre70 monumentali opere di scultura contemporanea vanno viste, osservare, introitate e riviste ancora. Perché la bellezza rende belli chi la apprezza.

Questo ampio percorso all’aperto si snoda attraverso strade, piazze e giardini di tutto il territorio, dall’antico centro storico alla vivace Marina, fino alle splendide frazioni collinari.
È dagli anni ’50 a oggi che le opere hanno iniziato ad arredare Pietrasanta, tanto che nel 1991 è stato istituito il Premio annuale “Fratelli Rosselli” conferito a uno scultore (ma anche ai suoi più stretti collaboratori) che ha portato il nome di Pietrasanta nel mondo. Così molto artisti hanno iniziato a donare un’opera alla città. E il Parco si è arricchito e continua ad arricchirsi, ogni anno, di nuove sculture, è per questo che devi tornare, perchè ne troverai sempre di nuove!

Inizia con noi il percorso, seppur immaginandolo… ma poi dovrai varcare la soglia di Pietrasanta, che ti aspetta!

In Piazza della Stazione c’è la scultura di Kan Yasuda “Myomu – Chiave del sogno” ad accogliere i viaggiatori inquadrando la Rocca Arrighina conosciuta anche come la Rocchetta, all’ingresso della città. Entrando, percorsa l’antica via Francigena, oggi via Mazzini, ecco una porta contemporanea posizionata sul luogo dell’antica porta medioevale: “Peace Frame” di Nall. “Il Guerriero” di Fernando Botero, invece, osserva maestoso piazza Matteotti, dove si trova anche il palazzo comunale.

Fuori dall’abitato storico, “La Potenza al Cubo” di Stefano Pierotti, rappresenta una vela gonfiata dal vento che dà il benvenuto ai visitatori del pontile di Tonfano, sulla Marina.
L’intero lungomare, come pure le rotatorie di collegamento al centro cittadino, sono scandite da una lunga serie di installazioni che coniugano forza e leggerezza.

Salendo poi alle frazioni collinari di Pietrasanta, ecco il panorama mozzafiato che regala la Terrazza sulla Versilia, a Capezzano Monte, incorniciato da “Un soffio dalla collina” di Sylvestre Gauvrit. Mentre sul percorso francigeno di Strettoia si incontrano “I Pellegrini” di Neal Barab e “Figura” di Luigi Mormorelli.

Pietrasanta è la città che resta ai primi posti nel mondo per la più alta concentrazione di laboratori artistici per la lavorazione del marmo e del bronzo e vanta il centro storico con la maggiore densità di gallerie d’arte di tutta Italia.

Unico esempio di museo diffuso della Versilia, da visitare con cartina alla mano, in autonomia, a piedi, in bicicletta o anche in auto, liberamente, 365 giorni l’anno.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Fiuggi: terme, golf, outdoor e tanta bellezza

Michelangelo la definì “L’acqua che rompe la pietra”, mentre Papa Bonifacio VIII ci si curava la calcolosi renale. Nomi più che illustri che hanno caratterizzato l’acqua di Fiuggi, che oggi puoi scoprire in due distinti parchi termali, la Fonte Bonifacio e la Fonte Anticolana. La prima è specializzata nella cura idropinica e nei servizi medici di salute mentre la seconda, che sorge all’interno di un parco naturale, ospita numerose strutture ricreative, sportive e ludiche.

Ascolta “Fiuggi: terme, golf, outdoor e tanta bellezza” su Spreaker.

Fiuggi in provincia di Frosinone, a soli 80 chilometri da Roma, è una delle più importanti stazioni termali d’Europa e centro di produzione di un’acqua che, filtrando attraverso una coltre vulcanica, si arricchisce di sostanze benefiche in grado di depurare l’organismo e di favorire il benessere.
Ma sono davvero tante le sorprese che questo luogo ha in serbo per te, in tutti i mesi dell’anno! Fiuggi è sinonimo di relax e salute, e al contempo può offrirti suggestivi percorsi di trekking immersi nella natura, un campo da golf tra i più antichi d‘Italia, uno splendido borgo antico medievale impreziosito da caratteristici murales e tanti, irresistibili piatti tipici.

Se sei amante del golf, questo è il posto che fa per te: nato nel 1928, il campo Fiuggi – che ospita ogni fine settimana importanti gare – possiede particolari peculiarità tecniche che metteranno alla prova la tua abilità in una struttura interamente biologica. Le 18 buche, Par 70, coprono una distanza di 5.864 metri all’interno di un’oasi che si estende dalla Fonte Termale Bonifacio VIII fino al Lago di Canterno.
A proposito delle bellezze naturalistiche del territorio, con la Fiuggi Experience potrai scegliere e prenotare le tue esperienze uniche, grazie a un ricco calendario di eventi gratuiti che, fino a ottobre, ti permetteranno di avventurarti in suggestivi percorsi di trekking immersi nella natura, di rigenerarti esplorando le bellezze ed i paesaggi del Lago di Canterno e della Riserva Naturale in sella ad una bicicletta, oppure di scoprire il borgo medioevale e i suoi segreti.

Il moderno centro termale di Fiuggi che si estende a valle, immerso nel verde dei boschi di castagno, è dominato a monte da un suggestivo centro storico arroccato sulla collina. Qui potrai ammirare veri e propri gioielli come il Teatro comunale, costruito dall’architetto Giovan Battista Giovenale, Porta dell’Olmo, Corso Maggiore, Piazza Castello e il Palazzo comunale. Negli ultimi anni, inoltre, i vicoli del centro storico sono stati impreziositi da opere di street art che potrai ammirare nelle tue passeggiate, scoprendo attraverso l’arte urbana le storie e le tradizioni di questo meraviglioso territorio. E a proposito di tradizioni, qui si possono assaggiare i migliori piatti della cucina ciociara: strozzapreti con ragù, tagliolini in bianco con carne e funghi, stracotto di manzo al vino Cesanese, polenta con salsicce e maiale nero dei Monti Lepini. Non ti è venuto già appetito?

Il nome di questo luogo magico è anche quello dell’acqua che da secoli fa bene alla salute degli italiani. Le bellezze naturali e le proprietà dell’Acqua Fiuggi sono un binomio imprescindibile, che rende unica un’esperienza di viaggio. Se vuoi ritrovare il tuo benessere e vivere una vacanza indimenticabile all’aria aperta, Fiuggi è il luogo che fa per te!

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

I sei musei del nord Italia più curiosi

Dal vento ai bottoni, ai capelli, tutto viene conservato e i musei sono il luogo in cui potrai trovare tutto ciò che cerchi, emozionarti e riflettere sul significato che ogni ammennicolo in teca ha per te e per chi lì lo ha posto.

Museo della Bora e del Vento a Trieste
Come i “musei veri e seri”, il Magazzino dei Venti ha le sue collezioni, eccole una ad una!
L’Archivio dei Venti del Mondo: una bizzarra raccolta di venti in scatola, un gioco che fa diventare espositori anche i visitatori: sono tanti infatti coloro che dopo avere scoperto il Magazzino spediscono il loro vento di casa o un vento raccolto in vacanza, diventando così “ambasciatori eolici”. Al momento sono più di 130 i venti imbottigliati, inscatolati, impacchettati provenienti da quasi tutto il mondo.
La Collezione artistica del Museo: “una piccola galleria del vento” che contiene opere di qualità di artisti talentuosi (Pascutto, Pastrovicchio, Pezzolato, Spigai e altri) pertinenti con i temi del museo..
L’Archivio di Silvio Polli: fotografie, pubblicazioni scientifiche, giornali, strumenti scientifici di uno dei più grandi studiosi del fenomeno, messi a disposizione dalla famiglia.
Curiosità di bora e di vento: reperti originali oppure creati ad hoc, come per esempio la “Finestra di Stendhal”, una tipica finestra triestina reinterpretata con sopra un testo del celebre scrittore che definì la bora abominable, abominevole.

Il Museo dei Pels (capelli) a Elva, in Valle Maira
A Elva, in Valle Maira, dal 2006 esiste un museo dedicato ad una professione ormai scomparsa, i raccoglitori di capelli. Gli Elvesi partivano dalle proprie case all’inizio dell’autunno per raggiungere la Lombardia o il Veneto e trovare delle donne disposte a vendere le proprie chiome per pochi soldi. I raccoglitori utilizzavano tra di loro un particolare gergo tramandato di padre in figlio e quando le trecce di capelli scarseggiavano, utilizzavano appositi pettini per raccogliere i capelli delle fanciulle. Una volta terminata la raccolta, i capelli venivano lavati, selezionati e venduti ai grossisti, che li utilizzavano per la produzione di parrucche.
Il museo raccoglie oggetti e testimonianze degli elvesi, e ne celebra la grande inventiva e creatività.

Il Museo delle campane a Montegalda, Vicenza
Questo originale museo si trova a Montegalda, in provincia di Vicenza, ed è ospitato nelle sale di Villa Fogazzaro-Colbacchini. Il percorso espositivo presenta circa 200 pezzi che vanno dai gong cinesi ai manufatti indiani, birmani e thailandesi, dalle preziose e rare campane gotiche italiane dell’XI secolo ai prodotti d’epoca moderna. Nella Sala della Fonderia viene illustrato il processo per produrre campane e campanelli e spesso, grazie alla sua eccellente acustica, ospita concerti e altri appuntamenti musicali. In un suggestivo cortiletto potrete ammirare invece le campane più grandi.

Mimumo, il museo più piccolo di Monza
Si pronuncia Mimumo, ma non è uno scioglilingua bensì l’acronimo di Micro Museo Monza, un luogo unico e da Guinness dei primati: 2,29 mq di superficie, aperto 365 giorni all’anno, 24/24h. L’ubicazione è speciale: al pianoterra della Casa della Luna Rossa, un edificio risalente al XIV secolo, affacciato sulla centralissima piazza Duomo. L’idea del MiMuMo è dell’architetto e proprietario Luca Acquati. MiMuMo é una casa di vetro per l’arte, una in vetrina, monolite di meraviglie aperto sullo curiosità della città. Il dono dell’arte in un micro teatro pubblico, una caleidoscopica lanterna magica aggettante sull’anemia della città. MiMuMo è un luogo eccentrico, trasparente e permanente, capace di dialogare con le pietre più nobili ed antiche della città, catalizzando un campo di forze creative e rigenerando una qualità dello spazio urbano come luogo di meditazione inattesa.

Il Museo del Passatempo a Rossiglione, Genova
Il Museo PassaTempo è un sorprendente viaggio nella memoria e nel costume.
Un’ampia raccolta di moto, cicli e oggetti d’epoca funzionanti, ricostruisce la storia italiana del Novecento, in particolare del secondo dopoguerra.
L’esposizione è articolata in due sedi distinte, la preesistente CASA-MUSEO e la SEDE CIVICA.
La CASA-MUSEO è un’abitazione privata che racchiude il nucleo originario della collezione PassaTempo. Gli oggetti sono esposti e organizzati per argomento, in modo tale da ricostruire fedelmente alcune situazioni tipiche della storia italiana: l’officina, l’emporio, il salotto buono, il bar del Giambellino.
La SEDE CIVICA è collocata in un edificio ottocentesco che per 120 anni ha ospitato le scuole del paese. Gli oggetti sono esposti in zone tematiche, lungo il percorso espositivo si integrano proiezioni multimediali.
Il piano terra ospita la collezione permanente di oggetti del Novecento, uno spazio dedicato alla Olivetti, la ricostruzione di un’aula scolastica e di alcune botteghe d’epoca. Al primo piano sono allestite le mostre temporanee che approfondiscono tematiche legate alla storia del costume italiano.

Il Museo del Bottone a Santarcangelo di Romagna
Vuole raccontare la storia politica, di costume e sociale dell’umanità, attraverso la simbologia dei bottoni, che si potevano comperare nelle botteghe di merceria o nelle modisterie, da fine 1800 al 2020.
I bottoni del 1900 che si vendevano nelle mercerie, dai più poveri a quelli per ostentare la ricchezza, raccontano la trasformazione dei modelli e dei materiali nell’arco di cento anni ed il modo in cui gli avvenimenti sociali, politici e di costume hanno inciso sia sulla produzione sia sul consumo dei bottoni. La maggior parte dei bottoni di questo settore proviene dal negozio della Famiglia Gallavotti, che si ottenne negli anni 20 rilevando un vecchio bazar chiuso da circa venti anni, con merce fine 1800 e primi 1900. In questo bazar vi erano, fra l’altro, un metro in legno, con timbro 1897/98, un torchietto per ricoprire bottoni di stoffa, con le molle delle matrici a vista, del 1880 circa e una parete di bottoni fine 1800 primi 1900, in stile liberty ed art decò, che disegnava oggetti di uso comune. Molti di questi bottoni hanno la simbologia di invenzioni o avvenimenti avvenuti nella società. Nel magazzino si sono aggiunte negli anni le rimanenze di bottoni del negozio.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Empoli, l’altra Toscana, dove far turismo è un’emozione

E stavolta vi portiamo in Toscana… Oramai ci conoscete e ben sapete che quando siamo noi a consigliarvi la meta del vostro tempo libero non siamo mai banali, ne scontati. Sarà dunque Firenze, ennò! E’ stupenda, ma ho detto che non siamo banali! Pisa allora. Acqua…! Riproviamo con qualche indizio: qui c’è uno struscio che ha fatto storia, hai presente il colpo di fulmine… qui portava diritto all’altare! Hanno una squadra di calcio che quest’anno si è riguadagnata la Serie A…Ancora non ci sei arrivato? Qui da secoli producono il vetro verde!!!

Siamo a Empoli caro!
Nel cuore della Toscana e lungo il corso dell’Arno, in una terra che ha dato i natali a celebri personaggi come Leonardo da Vinci, Giovanni Boccaccio e, non ultimo Jacopo Carucci, esponente della ‘maniera moderna’, meglio noto come il Pontormo, è qui che il suo estro prese forma!
E’ sempre, a Empoli che nel 1260 si svolse il Concilio Ghibellino in cui, all’indomani della battaglia di Montaperti, Farinata degli Uberti, che compare nel Canto X dell’Inferno nella Commedia di Dante Alighieri, difese Firenze dalla distruzione. E poi si sa, gli empolesi (come tutti i toscani!) son burloni, fanno volare anche i ciuchi in aria! Ovviamente di cartapesta!

Ascolta “Empoli, l’altra Toscana, dove far turismo è un’emozione” su Spreaker.

Quindi si và in quel di Empoli..
Più precisamente nel quadrilatero di vie che si dipanano attorno alla scenografica Piazza Farinata degli Uberti e che qui chiamano “Giro d’Empoli”. Se sei in cerca di un buon aperitivo, un piatto tipico, l’anima gemella o sei affetto da shopping compulsivo, sei nel posto giusto. Si chiama Giro perché, in passato, i ragazzi percorrevano queste vie in un senso e le ragazze nel senso inverso: così facendo potevano scambiarsi qualche sguardo quando si incrociavano! quindi aguzza gli occhi e non fare troppo il provolone!
Se, nonostante la memoria di amori passati che emanano queste strade, non hai trovato la tua ‘madonna’, prova a cercarla tra quelle esposte nel Museo della Collegiata di Sant’Andrea! Fondato nel 1859 è uno dei musei diocesani più antichi d’Italia e ancora oggi puoi trovarci i capolavori di Masolino, Lorenzo Monaco, Filippo Lippi, Francesco Botticini, Mino da Fiesole, Bernardo Rossellino e una pregevole collezione di robbiane.

Fai qualche passo fuori dal centro. Nel borgo di Pontorme, alle porte della città, nasceva nel 1494 Jacopo Carucci, il Pontormo. Qui puoi visitare la casa natale dell’artista dove, oltre al facsimile del suo Diario, trovi una preziosa versione cinquecentesca della Madonna del Libro di cui la versione originale dipinta da Jacopo è ancora sconosciuta. Poco più avanti, nella vicina chiesa di San Michele, si conservano ancora oggi due dei suoi straordinari dipinti raffiguranti San Michele Arcangelo e San Giovanni Evangelista.

Immagino che non lo sapevi… cosa?
A Empoli c’è il Muve! Non sai cos’è? Davvero!?!
Empoli è famosa in tutto il mondo per il vetro verde, da secoli il suo prodotto simbolo.
Fino a qualche decennio fa, le ciminiere delle fornaci svettavano nello skyline di Empoli, la manifattura vetraria occupava migliaia di persone e sfornava oggetti in vetro artistico o da tavola che hanno fatto storia. Oggi le tappe di questa produzione empolese si ripercorrono attraverso gli oggetti e le storie che compongono il percorso espositivo del MuVE, il Museo del Vetro di Empoli. Prendine nota!

S’è fatta sera, e dopo aver osservato bicchieri in vetro di ogni foggia, è proprio il momento giusto per concederti un calice di vino Bianco dell’Empolese IGT magari in uno dei locali del centro o in Piazza della Vittoria dove si affaccia anche la Casa Museo di Ferruccio Busoni, straordinario pianista empolese, a cui la città dedica ogni anno una rassegna musicale di altissimo livello.

A proposito di musica…
Dal 25 al 29 agosto nel Parco di Serravalle, il polmone verde di Empoli, torna il Beat GardenFestival, cinque giorni di grande musica e non solo! Walkin, Cookin e Relaxin è il claim della manifestazione che avrà tra i protagonisti anche il buon cibo di strada e le migliori produzioni di birrerie artigianali.
Scopri il programma su www.beatfestival.net

Buona Empoli con le note del Beat Festival!

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Egna, uno scrigno di bellezza in Alto Adige

Se sei alla ricerca di un luogo autentico, lontano dai ritmi caotici delle città e allo stesso tempo dalle più blasonate località turistiche, Egna è il posto che fa per te! Egna è autenticità. Circondata da vigneti e meleti, Egna va vissuta passo dopo passo fra i suoi antichi palazzi e i caratteristici portici. Va assaporata tra deliziosi piatti tipici e i pregiati vini delle enoteche del centro.

Ascolta “Egna, uno scrigno di bellezza in Alto Adige” su Spreaker.

Le uve del Pinot Nero maturano sulle assolate colline di Mazzon: pochi ettari di terreno che custodiscono un grande patrimonio di biodiversità. Ma qui si producono tante altre pregiate etichette, anche bio, e potrai accompagnare un buon calice di vino con le delizie della tradizione: canederli, polenta, zuppa d’orzo e insalata di cappucci con speck; e ovviamente il re dei dolci, sua maestà lo strudel.

Per digerire tutto questo? Prendi nota!
Se ami la bicicletta e le passeggiate all’aria aperta, avrai davvero l’imbarazzo della scelta. Dalla ciclabile della Valle dell’Adige, alla Strada del Vino. C’è poi il tracciato della Vecchia Ferrovia della Val di Fiemme, un vero spettacolo!

Sei più da passeggio? Vieni a scoprire il Parco Naturale Monte Corno, le romantiche rovine di Castel Caldivo, il biotopo di Castelfeder e il sentiero del Dürer, che conduce all’antico ospizio “Klösterle”, non te ne andrai più!

Se hai l’avventura nel sangue le Dolomiti con il canyon del Bletterbach sono a breve distanza. Sali sulla cima del Corno Bianco; magari all’alba, per godere di un panorama mozzafiato.

Egna è la tua meta all’insegna dell’ecosostenibilità, potrai fare incetta di prodotti bio ed equo e solidali, proposti da piccolissime aziende a conduzione famigliare e fortemente legate al territorio. Vino, abbigliamento in canapa e fibre naturali, fino ai prodotti del maso e agli occhiali su misura in acetato di cellulosa. Hai un portabagagli capiente?

Egna ha tante caratteristiche, ma i portici, divisi fra “alti” e “inferiori”, li hai mai visti? I primi conservano alcuni dei palazzi signorili di maggior pregio; i portici inferiori sono invece più intimi e raccolti.

Se vuoi conoscere nel profondo Egna, non può mancare nel tuo percorso una visita al Museo di Cultura Popolare aperto dal dopo Pasqua fino a Ognissanti.

Già, ma dove soggiornare? Non te ne vorrai andar via, proprio ora? Sai che stanchezza dopo aver visto tanto!
Tra gli hotel della tradizione in pieno centro storico, c’è anche il primo Albergo Diffuso dell’Alto Adige. Ci sono dei personaggi che ti resteranno nel cuore, perchè Egna è umanità vera. Werner che ti preparerà artigianalmente il gelato nella piazza centrale. Enzo e i suoi consigli sul vino. Mentre dicono che i mazzi di fiori più belli della Bassa Atesina li prepari Karin. La lista sarebbe lunga, perché a Egna ogni prodotto o servizio è associato a un nome, a un viso, a una persona. E sono proprio le sue persone, pronte ad accoglierti con passione e allegria, a rendere questo borgo ancora più magico.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

E’ primavera in Val di Rabbi

La primavera è il modo in cui la natura dice “facciamo festa!”. Le parole di Robin Williams ben si prestano a descrivere la Val di Rabbi, splendida vallata alpina immersa nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio. In questo angolo del Trentino, infatti, la natura “parla”: e non c’è momento migliore della primavera per ascoltarla.
Quando la Val di Rabbi si risveglia dal lungo inverno, i prati iniziano a ricoprirsi di fiori ed erbe spontanee. Tra queste, la regina è la zicoria. Una delizia. Non a caso gli si dedica addirittura un evento il “Zicoria FestiVal di Sole”, in programma quest’anno nei weekend dal 22 al 25 aprile e dal 29 aprile al primo maggio. Sarà la tua occasione per gustare la cicoria selvatica e le erbe spontanee e immergerti nella Val di Rabbi in tutte le sue molteplici sfaccettature.

Ascolta “Val di Rabbi, ed è primavera” su Spreaker.  

Passeggiate, trekking in alta quota, e-bike, benessere; e ancora gastronomia, terme, riserve naturali e antiche tradizioni. È il tuo programma dedicato alla calda stagione, qui in Val di Rabbi.

Prendi nota, non è finita qui! Il ponte sospeso, le cascate di Saent e quelle di Valorz sono quelle più note, ma ti sorprenderai ad andare alla scoperta della Val Maleda e della Val Cercen, piccole valli meno note, dove il contatto con la natura è ancora più stretto.
Se preferisci le escursioni in alta quota raggiungi il Rifugio Stella Alpina al Lago Corvo e il Rifugio Dorigoni, oppure i laghi di Sorasass o il punto panoramico di Camposecco… non vorrai più andar via!

Appassionato di bicicletta? Abbiamo la soluzione anche per te in Val di Rabbi, cosa c’è di meglio del pedalare tra prati verdi, boschi fitti e un cielo azzurrissimo: si parte da percorsi semplici per i principianti, puoi anche noleggiare un’e-bike e si arriva a itinerari più impegnativi per i veri appassionati dell’outdoor!
Di relax ne vogliamo parlare? Una delle prerogative della Val di Rabbi è la ricchezza di acqua, motore del termalismo locale che qui vanta antiche radici. Le sue proprietà terapeutiche erano già conosciute nel 1650, wow!

E anche qui c’è l’imbarazzo della scelta a partire dalle Terme di Rabbi, con la loro filosofia sui benefici e le proprietà dell’acqua forta, ovvero l’acqua ferruginosa. E proseguendo con il percorso Kneipp di San Bernardo, totalmente a cielo aperto. È basato sui principi dell’idroterapia che utilizza l’acqua fredda delle cascate di Valorz. Poi ci sono i nuovi spazi realizzati all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio, come il Park Therapy nella località Coler e Frusciò, un nuovo parco sonoro che verrà inaugurato l’11 giugno di quest’anno.

Gastronomia, attività all’aperto, benessere. Ma la Val di Rabbi è anche storia. Qui c’è il Molino Ruatti, una vera e propria porta che introduce nella cultura della valle; ammirando gli antichi apparati molitori funzionanti, ci si può immergere nella vita quotidiana di un ambiente alpino del passato.
E non finisce qui!

Come ogni buon viaggio che si rispetti, anche il nostro finisce in tavola con latte, formaggi, burro e ricotta delle malghe, in alta quota, a un passo dal cielo, dove la natura ti “racconterà di s’”. Bisogna solo saperla ascoltare.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Leonessa Fuoriporta

Leonessa è il regno dell’outdoor, bici, moto, trekking e molto ancora!

Natura, sport ed eventi. Paghi uno prendi tre! Siamo a Leonessa, la terra della celebre patata fritta, lessa o rescallata. Ogni momento è quello giusto per salire in macchina è raggiungere questo gioiello naturalistico e non solo alle pendici del Monte Terminillo, al confine con Lazio, Abruzzo e Umbria, dove l’aria buona mette appetito e da queste parti c’è solo l’imbarazzo della scelta: mozzarelle di bufala e formaggi da pascoli d’alta quota, lenticchie, farro e salumi tipici!

Ascolta “Bici, moto, trekking e molto ancora, Leonessa è il regno dell'outdoor” su Spreaker.
 

Terra di mezzo, terra di bellezza, terra di emozioni, questa è Leonessa un diamante tra la neve d’inverno, con i suoi vicoli bianchi, i comignoli fumanti, il profumo delle caldarroste che si diffonde al tuo passaggio. Emozionante in estate. Trekking, mountain bike, down hill, bici elettriche, moto, per te che sei un fissato dello sport è questo il tuo posto! Leonessa è il regno dell’Outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate e che d’inverno!

Ma accoglie a braccia aperte anche chi vien solo per godersi il relax e l’aria buona, quella di montagna, del Terminillo, “la montagna dei romani” fresca e friccicolina, ideale per destarsi dal torpore della città. Leonessa è la tua meta Fuoriporta!
E ora, visto che non ti vogliamo “straccà la recchia” con le sviolinate partiamo!

Da dove iniziamo la visita? Dal centro storico ovviamente! È qui che possiamo comprendere il valore ancestrale della città antica di Leonessa. Vi sono palazzi risalenti al XVI e XVIII secolo, come i Palazzi Mongalli con un meraviglioso portale del XVII secolo realizzato in pietra. Ci sono poi il Palazzo Bisini, Palazzo Morelli, Palazzo Vanni e Palazzo Ettore il più grande di Leonessa. Immancabile la Torre che costituisce il simbolo più significativo dell’identità culturale leonessana.
Quindi se siete appassionati di sport, avete l’adrenalina a 1000, ma la vostra metà non ne vuol proprio sapere di arrampicate, pedalate o attività sciistiche, parcheggiatela in centro! Avrà il suo bel da farsi!

In piazza VII Aprile, vi è la Fontana Margaritiana che risale al Cinquecento, mica una banalità! Già il nome è tutto un programma! Deriva infatti da colei che la donò, niente po po di meno che Margherita d’Austria la duchessa, il cui eco rimbalzò in ogni dove.
Passeggia e passeggia ancora, c’è la Fonte della Ripa risalente al XII secolo è caratterizzata da un arco a tutto sesto. Era l’unica risorsa idrica di Leonessa, nonché la fonte del Castello di Ripa attorno al quale sorgeva il centro abitato!

Di outdoor abbiamo accennato. Di cultura anche. Vieni a Leonessa e non dai una sbirciatina alla Chiesa di San Francesco e al suo Convento… impossibile, sono troppo affascinati!
La chiesa di San Francesco e l’adiacente convento furono realizzati tra il XIII e il XV secolo. La chiesa ha una facciata romanico-gotica con un portale a lunetta e un rosone centrale. Il complesso sacro è stato realizzato in conci di pietra rossa locale e custodisce due opere d’arte rinascimentali raffiguranti: il Presepe in terracotta policroma e il Crocifisso ligneo. All’interno dell’edificio sacro vi è una cripta e diversi affreschi che raffigurano l’Inferno, il Paradiso, la Madonna dell’Ulivo e alcune scene bibliche. Vi è un campanile in stile gotico con finestra e a sesto acuto. Il convento è composto da un chiostro ed è attualmente la sede del Museo civico Demoantropologico in cui poter scoprire alcune testimonianze dei leonessani vissuti nei secoli scorsi.

E ora, amanti della montagna, degli sport e dell’adrenalina, Leonessa è tutta vostra!
Tra i Monti Reatini, il Monte Terminillo, la Vallonina, la stazione sciistica di “Campo Stella”, il monte Tilia dove vi era la vecchia stazione sciistica di Leonessa e a cui si può accedere mediante una seggiovia, inizia qui il vostro divertimento. Leonessa è il posto ideale per gli amanti di natura e montagna.

Due terzi del territorio Leonessa sono costituiti da boschi e pascoli d’alta montagna, zampillanti ruscelli, amene valli, venite al Riofuggio, al Bosco della Vallonina che racchiude incastonate le stupende verdi Valli dell’Organo.
Continua il tuo outdoor su Valla Fana, la valle dei templi, qui fu trovato un tempio di 2100 anni fa! Anche l’archeologia non manca!

Leonessa è un luogo speciale per tutti i gusti, sicuramente meta tra le più gettonate da ciclisti e motociclisti che da sempre seguono i numerosi eventi che qui si svolgono durante la primavera-estate.

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

 

Santhià all’aria aperta, un viaggio tra risaie e bellezza

È all’aperto. È pieno di bellezza. Vi esplode una natura che toglie il fiato. È affascinante. Ed è anche gustoso! Sei nel luogo giusto, nel momento gusto!
Sei nel mare a quadretti di Santhià, un paesaggio fatto di tanti piccoli laghi delimitati da semplici argini, ma che, a uno sguardo più attento, rivela un sistema complesso e ingegnoso, oltre che meticolosamente strutturato. Sei nella risaia più grande d’Europa, qui dove un tempo Cavour fece realizzare, con mattoni e pietra naturale, un complesso sistema che avrebbe permesso l’irrigazione dei terreni e che è, tutt’oggi, da considerare il “non plus ultra” dell’ingegneria idraulica italiana ed europea. Un progetto d’irrigazione colossale che pose le premesse per il futuro “triangolo d’oro del riso”. Dove oggi sei te. A Santhià.

Ascolta “Santhià all'aria aperta, un viaggio tra risaie e bellezza” su Spreaker.

Scarpe comode. Si parte alla scoperta delle risaie di quest’angolo del vercellese. Un percorso gradevole, per nulla faticoso e adatto a tutte le età e soprattutto immerso nella Via Francigena. Puoi camminare lentamente e respirare il profumo della raccolta. Perché questo è più o meno il momento giusto, tra fine settembre e ottobre. Senti l’odore della natura. È l’essenza del fresco. È un effluvio di vita, sana. Un tempo erano i buoi e le persone che, con fatica e dedizione, facevano questo lavoro. Oggi, con meno poesia, lo fanno le macchine, ma l’obiettivo è sempre lo stesso, raccogliere quel chicco candido e gustoso che rende questa zona, un fiore all’occhiello dell’Europa intera, per produzione di riso. E’ sempre qui, nel vercellese, a Santhià, che addirittura i giapponesi ne fanno incetta, di riso, per il loro sushi. Qualcosa vorrà dire!

Lo so che sei un appassionato di birdwatching, è per questo che ti abbiamo portato a Santhià! Aguzza lo sguardo perché qui si vive talmente bene, tanto da essere il rifugio dell’airone cinerino, del cavaliere d’Italia, degli ibis, di cicogne, del tarabuso, della pittima reale e tanti altri che si avvicenderanno davanti alla lente del tuo binocolo!
Se di natura ne hai abbastanza, il centro storico di Santhià, con i suoi vicoli, le sue chiese e il castello di Vettignè, sarà una valida alternativa per riposare le tue gambe.
Il Duomo di Santhià, dedicato a Sant’Agata, facciata in stile neoclasscio, tre navate, affreschi che narrano la vita della santa, di particolare interesse sono l’ex battistero, l’organo ottocentesco dei fratelli Serassi, il polittico di Gerolamo Giovenone del 1531, la cappella dedicata a Sant’Ignazio da Santhià e l’antica cripta di Santo Stefano, dichiarata, insieme alla torre campanaria, monumento nazionale!

L’ex Stazione idrometrica sperimentale, situata a poca distanza dal centro cittadino, è un altro luogo irrinunciabile, è un manufatto di ingegneria idraulica unico nel suo genere. Aveva il compito di misurare la portata, regolare e distribuire l’acqua ai tempi del Canale Cavour. Dal punto di vista architettonico si presenta come un tipico esempio di architettura industriale di inizio XX secolo, con influenze liberty ed eclettiche.
Nel cuore della campagna santhiatese sorge l’antico borgo di Vettignè, a cui accennavamo prima, formatosi intorno all’omonimo castello. Le sue parti più antiche risalgono al XV secolo. Un viaggio nella profondità della storia locale.

Che aspetti? Noi siamo qui a Santhià!

Scopri gli altri itinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel