Articoli

The Monumental cypress grove of Salisano

Salisano, a pretty village in the province of Rieti, preserves a real natural treasure: the Monumental cypress grove. It is an extraordinary cypress forest of the “Horizontalis” variety, whose original plant dates back several hundred years ago. Within this fascinating forest formation, there is a path that starts about 1.6 km from Salisano (Ri), just beyond the intersection between Via Montefalcone and Via Dell’Uccelatore, and climbs up to the summit of Monte Ode (968m ). From this Mount, you can enjoy a beautiful panorama that spans 360 degrees from Mount Soratte to the Sabine Mountains, from the Reatini Mountains to the Lucretili, up to the highest peaks of the Abbruzzesi Mountains. The trail, which follows in large part a CAI route (white-red signs), holds the Fosso dei Cipressi on the right and is equipped with handy documentary panels relating to the history, flora, and fauna of the area prepared by the Apidienus association. From the top of Mount Ode it is possible to proceed east towards Colle Pozzoneve (961 m), go down the whole grassy ridge to an altitude of 760 m and then turn right into the oak wood and take a cart track that leads back to the starting point for the “Via Dell’Uccellatore”.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/in-bicicletta-tra-i-castelli-del-barolo-e-le-strade-dei-pellegrini/

verde a Cervaro

Santa Maria Maggiore, the oldest church in Cervaro

The Church of Santa Maria Maggiore is the oldest and most important religious monument of Cervaro, a lovely village located in the region of Lazio, in the province of Frosinone. It is a real historical monument of architecture and culture, with simple essential lines. Not only nowadays, but also in its long past, it has always been the “matrix church“, that is matrix, of the town, as we read in a plaque from the 12th century still visible underneath a stone font: “hecest sola matrix Cervarii“, can be read, or “this is the only (church) matrix of Cervaro”.

The building stands where the ancient Pesculum takes its place from the eastern side, near the medieval ruins of the Borgo and Castello, from which start via Trocchio, via Municipio, via Sobborgo and via XXIV Maggio. The front facade of the castle is clad in square-faced stones, up to the vault, with a stucco-decorated pediment; the portal is instead quadrangular, surmounted by an important composite stone cornice.

Inside, the church contains elegant stucco decorations and fake quadrangular columns; the dome is located at the main altar and houses bas-reliefs depicting the four cardinal virtues: Prudence, Justice, Fortress, Temperance. It also welcomes an artistic wooden crucifix of the ‘600. The polychrome marble altar, of the baroque style, fortunately, did not suffer any demolition after the reform of the Second Vatican Council, which sanctioned the essentiality of the aisle. Other elements of merit are the choir, with graceful carvings on old wood and the pulpit.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/eventi/8070/

Castelli Sabina_Fuoriporta

From Savelli to the Orsini, among the castles of the Sabina

Let’s discover the castles of the beautiful Sabina area between the provinces of Rome and Rieti! Famous today for its uncontaminated nature and the production of one of the most renowned olive oil in Italy, but a theater of critical historical events witnessed precisely by these fortresses.

A path that can only start from the slopes of the Lucretili Mountains and, in particular, from the Savelli Castle which represents the pride of Palombara Sabina. It is difficult, however, to remain indifferent to his large halls, the frescoes of the school of Raphael and the ancient Greek statues. Worth a visit: the Archaeological Museum, which houses a beautiful statue of Zeus dating back to the 1st century BC, the hanging garden and “il soccorso,” a long tunnel with 37 loopholes once used by crossbowmen to pass from the tower to the fortress without being seen.

Not far from Palombara, it is possible to admire one of the most considerable examples of Lombard “castrum.” The ruins of Castiglione, which dominate from a panoramic position a valley characterized by dense terraced olive trees. And always a few kilometers away here is the abandoned town of Stazzano Vecchio, known as one of the “ghost towns” of Lazio, with its Orsini Castle. Continuing in the direction of Farfa, a few kilometers from the famous Abbey, it is possible to see the ruins of Roccabaldesca. The journey through the castles of the Sabina can only end in Nerola and its perfectly preserved Romanesque-medieval castle: defended by a wide moat and four large corner towers. Inside you can admire the vast halls and you can enjoy a breathtaking view of the surrounding valley.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/eventi/sagra-della-bruschetta-monteleone-sabino-ri-il-22-novembre/

https://www.fuoriporta.org/eventi/pane-olio-e-montelibretti-rm-2122-novembre/

A place full of stories like Civitavecchia, Viterbo, Tuscania and Tarquinia, along with natural wonders such as the Tolfa Mountains and Lake Bolsena.

Discovering Upper Lazio from Civitavecchia to Bolsena

A place full of stories like Civitavecchia, Viterbo, Tuscania and Tarquinia, along with natural wonders such as the Tolfa Mountains and Lake Bolsena. The itinerary to discover the beauties of Upper Lazio starts from Civitavecchia, an ancient city of Etruscan origin overlooking the Tyrrhenian Sea and the seaside of the Capital, which preserves the Forte Michelangelo, the Vanvitelli Fountain and the Old Port.

The journey continues in the direction of the Tolfa Mountains, where two famous villages have emerged in the past centuries for the extraction of the Aluma and Tolfa. Third, unmissable stop is Vetralla, right on the slopes of the volcanic crater, which then turned into Lake Vico, where the Monastery Regina Pacis is worth a visit; then just a few kilometers down the road to Montefiascone, and then the view opens onto the charming lake of Bolsena with its glimpses, the town of Bolsena with its historic center, the two characteristic islands and the village of Marta, climbed on the slopes of the basin.

After turning around the lake, you can go back to Civitavecchia, without forgetting to go first to Tuscania, the city of Tusci famous for the Basilica of Saint Peter, the Church of Santa Maria Maggiore and the fountain of the “sette cannelle”, and then for Tarquinia, an ancient Etruscan town where the Necropolis, the Museum, the Palazzo Comunale and the Church of Santa Maria in Castello worth a visit.

You may also be interested in: https://www.fuoriporta.org/itinerari/greccio-entra-far-parte-del-club-dei-borghi-piu-belli-ditalia/

 

Itinerari

Terminillo, da Virgilio a Varrone, la montagna di Roma

E’ uno dei simboli più noti della Sabina. Da sempre definito la “montagna dei romani”, è il Terminillo che svetta innevato d’inverno e verde d’estate. Lo si vede dalle altezze di Roma Nord, imponente, forte e maestoso. Dalla Salaria, fatta tutta d’un solo fiato, lo raggiungerete!
Utilizzato come traguardo delle tappe ciclistiche di montagna del Giro d’Italia ed altre manifestazioni sportive, il Terminillo è un’ottima meta anche per chi vuol solo affondare la forchetta in una succulenta polenta con i porcini, periodo permettendo!

Addirittura Virgilio lo citò nell’Eneide parlando delle sue “tetricae horrentes rupes” (spaventose rupi di Tetrico) e Marco Terenzio Varrone descrisse i “gurgures alti montes” (alti monti Gurguri) e l’usanza di condurvi il bestiame per il pascolo.

Dalla caccia, al pascolo, passando per il taglio della legna, il Terminillo era frequentato da boscaioli e carbonai. Non dimentichiamo la raccolta di neve e ghiaccio, che veniva rivenduto nelle città per conservare gli alimenti.
Alcuni ruderi e resti di terrazzamenti a Pian de’ Rosce fanno pensare che alcune zone fossero un tempo coltivate. Sembra inoltre che gli abitanti dei paesi posti alle estremità opposte della montagna avessero l’abitudine di incontrarsi sul Terminillo per fare mercato, da questa usanza deriverebbe il nome campus forum poi diventato Campoforogna.

Storia a parte il Terminillo è una meta perfetta per il vostro tempo libero!
Nel raggiungerla, fate capolino nei borghi che incontrerete lungo la strada, ve ne sono di indimenticabili!

Greccio, un presepe a cielo aperto!
Leonessa, con il suo grazioso centro storico.
Cantalice, con la sua splendida umanità.
Rivodutri con le Fonti di Santa Susanna.

Insomma vi è più di una ragione per raggiungere il Terminillo anche solo per una passeggiata…

Scopri gli altri intinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Alatri, la città dell’Acropoli dove il Natale è “al centro”

I tempi cambiano? Noi cambiamo con loro. E viceversa! Siamo in grado di farlo. Lo insegna la storia.
Non bisogna cedere alle vicende. È Natale.
Va vissuto e celebrato al meglio. Tutti insieme. Quest’anno utilizzeremo strumenti diversi, con lo stesso entusiasmo.

La nostra piazza e il nostro salotto, saranno Facebook. Ma non solo.
Ad Alatri possiamo contare su una storica emittente televisiva, che da tantissimo tempo, regala immagini, storie, notizie e permette ai cittadini di mantenere un legame indissolubile con la propria città, si tratta di Ernica TV.

In questo scenario, virtuale sì, ma sempre sincero, accorato, genuino, festeggeremo e celebreremo queste festività.

Si potranno inviare, utilizzando le Pagine social, messaggi video a persone lontane, vicine, sconosciute. Racconti, barzellette, modi di dire, sogni, speranze, saluti, ricette, addobbi, video, foto. Liberare la propria immaginazione e condividere la speranza che, in ogni casa, resta il cuore, il fulcro vero, del Natale.

Verranno trasmessi sui canali di Ernica TV concerti ed esibizioni di altro genere.

Possono partecipare tutti. Associazioni, commercianti, cittadini, giovani e meno giovani.

L’iniziativa è a cura della Pro Loco di Alatri in collaborazione con il Comune di Alatri, Assessorato alla Cultura, con il Contributo della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio.

A breve i dettagli sulla pagina fb www.facebook.com/Natalealcentroalatri e sui canali social https://www.facebook.com/proloco.alatri e del https://www.facebook.com/comune.alatri.fr.it

Cosa vedere ad Alatri

L’ACROPOLI
L’ Acropoli di Alatri – detta Civita – è posta nel cuore del centro storico, sulla cima del colle.È di notevole interesse per le sue mura in opera poligonale, costituite da diversi strati di megaliti polimorfici che spesso raggiungono la lunghezza di 3 metri, provenienti dalla stessa collina e fatti combaciare perfettamente ad incastro senza l’ausilio di calce o cementi.
Il perimetro delle mura è di 2 km. L’acropoli, oltre alla rampa d’accesso, presenta due porte: la Porta Maggiore e la Porta Minore o dei Falli. La Porta Maggiore è posizionata nel tratto sudorientale dell’Acropoli, all’opposto della porta dei falli posizionata verso nord-ovest.Su di una roccia affiorante, nella parte più alta dell’Acropoli, è stato rinvenuto nel 2008, un graffito rappresentante un templum (triplice cinta), perfettamente orientato astronomicamente.

BASILICA DI SAN PAOLO APOSTOLO – CHIESA CONCATTEDRALE
Sulla sommità dell’acropoli, sul podio di un antico ierone (altare ernico) e sui resti di un tempio dedicato a Saturno sorgono rispettivamente la Basilica di San Paolo apostolo e l’attiguo Vescovado, risalenti al periodo alto medioevale: ne abbiamo notizie fin dal 930.A seguito di un importante intervento di ristrutturazione effettuato nel corso del XVIII secolo, entrambi gli edifici si presentano al visitatore moderno con linee e forme settecentesche. La facciata della cattedrale, in pietra e laterizio, è stata realizzata assieme al campanile da Jacopo Subleyras tra il 1790 e il 1808; il modello è quello delle maggiori basiliche romane, con la presenza di un unico ordine di paraste a binati.
Nel 1884 furono aggiunti l’attico e il timpano. La cattedrale venne dichiarata basilica minore da papa Pio IX nella sua prima visita in città nel 1850, ma altra fonte sostiene che la dignità ufficiale di basilica minore le fu conferita da papa Pio XII nel settembre del 1950. L’interno è a croce latina, a tre navate e con un lungo transetto sopraelevato in corrispondenza del presbiterio.Tra il materiale artistico di pregio custodito nel luogo sacro vanno annoverati i reperti di un pergamo cosmatesco risalente al 1222.
La chiesa conserva parte delle reliquie del patrono della città, San Sisto I Papa; esse si trovano all’interno di un’antichissima urna di piombo, sul cui coperchio è incisa la scritta: «HIC RECONDITUM EST CORPUS XYSTI PP. PRIMI ET MARTIRIS».
In fondo alla navata destra, si conserva inoltre il corpo di S.Alessandro martire, estratto dal cimitero di S. Callisto, donato nel 1640 alla chiesa di Alatri.

CHIESA COLLEGIATA SANTA MARIA MAGGIORE
La chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore risale al V secolo: fu edificata sulle rovine di un tempio pagano. L’aspetto romanico-gotico si deve principalmente alle profonde modificazioni operate nel XIII secolo.Dell’esterno va segnalato il grande rosone realizzato agli inizi del XIV secolo. Nella chiesa sono conservate pregevoli opere quali il gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli (XIII secolo), il Trittico del Redentore di Antonio da Alatri, la Vergine con il Bambino e san Salvatore (prima metà del XV secolo) e il fonte battesimale del XIII secolo.

CHIESA DI SAN FRANCESCO
Costruita tra la seconda metà del XIII secolo e la prima metà del XIV, si caratterizza per una struttura compatta, in stile gotico; la facciata presenta un portale archiacuto e un rosone a colonnine radiali. L’interno, in un’unica navata, venne ristrutturato in epoca barocca e conserva una nota Deposizione di scuola napoletana del Seicento, e un mantello risalente al XIII secolo attribuito a S. Francesco D’Assisi.

IL CRISTO NEL LABIRINTO
La chiesa di S. Francesco aveva annesso un contiguo convento, i cui ambienti sono adibiti a sala espositiva, e sono noti come il “Chiostro”.
In un’angusta intercapedine dell’ex-convento si trova un affresco di notevole interesse raffigurante un Cristo Pantocratore al centro di un labirinto.La pittura è venuta alla luce grazie ad un ritrovamento casuale nel 1996, poco prima che l’ambiente del Chiostro, restaurato dall’amministrazione comunale di allora, riaprisse l’intero edificio al pubblico come luogo deputato ad attività culturali, rassegne di vario genere e convegni.
Il significato, l’origine e la datazione del dipinto sono tuttora oggetto di studi attenti e spesso contrastanti tra di loro, in parte dovuta all’eccezionalità della pittura che appare come un “unicum” nel panorama artistico locale e in parte al profondo degrado in cui versa l’opera e che rende difficile la lettura della stessa.

CHIESA DI S. SILVESTRO
Ubicata nell’antica Grancia delle Piagge (dial. Piaje), venne costruita tra il X e l’XI secolo in un’unica navata, alla quale nel 1331 vennero aggiunte la navata sinistra e la sagrestia. Mantiene le linee romaniche: l’austera semplicità della struttura esterna, la sobrietà dell’interno ed il soffitto a capriate lignee offrono al visitatore suggestioni dal sapore antico.Notevole, per l’intensità di espressione e per la sua antica fattura, è l’affresco di San Silvestro con il drago del XII secolo collocato sul lato destro dell’abside. Sul lato opposto immagini votive, rappresentazioni del Nuovo Testamento e successioni di santi, databili tra il XIII ed il XV secolo. Dall’interno della Chiesa si può accedere alla cripta del IX secolo con volte a crociera e un affresco di Santo Benedicente, di fattura bizantineggiante.

CHIESA DEGLI SCOLOPI
La Chiesa degli Scolopi fu realizzata tra il 1734 ed il 1745 su progetto del padre calasanziano Benedetto Margariti da Manduria ed è dedicata allo Sposalizio della Vergine.La facciata, in travertino, è concepita come un organismo architettonico a sé stante, e reinterpreta motivi borrominiani; si dispone su due registri orizzontali attraverso un doppio ordine di lesene tuscaniche che inquadrano, al di sotto di un ampio timpano mistilineo, l’unico portale di ingresso con la sovrastante finestra centrale. La grande compostezza del prospetto si conclude con la sequenza verticale delle finestre incorniciate da larghe membrature aggettanti nelle sezioni laterali; queste, secondo l’originario progetto, non portato a compimento, dovevano terminare con due campanili gemelli.L’interno, a croce greca , con terminazioni absidate, è dominato dalla tensione ascensionale delle lesene corinzie, raccordate fra loro da una trabeazione ininterrotta, su cui si impostano le grandi arcate a tutto sesto che sorreggono la cupola. Molto curata la monocroma decorazione a stucco delle superfici murarie, sulle quali risaltano per contrasto le grandi tele settecentesche, poste ad ornamento dei tre altari della chiesa: sull’altare maggiore troviamo lo Sposalizio della Vergine, dipinto nel 1731 da Carmine Spinetti, mentre sui due laterali trovano posto una Crocifissione del pittore veneto Benedetto Mora e un’opera non firmata raffigurante San Giuseppe Calasanzio, realizzata nella seconda metà del Settecento per celebrare il padre fondatore dell’Ordine degli Scolopi.La chiesa, chiusa al culto, ospita esposizioni ed eventi di vario genere.

GRANCIA DI TECCHIENA
Sorge alle pendici del piccolo colle Monticchio, sul quale, intorno all’XI secolo, sorsero per volontà del popolo di Alatri alcune fortificazioni. Continue contese con la vicina Ferentino, sfociate in autentiche azioni belliche, indussero nel 1245 papa Innocenzo IV a privare il comune alatrino di qualsiasi diritto su ciò che restava del castello, incamerando l’area di Tecchiena nei beni della Chiesa e rivendendola successivamente (nel 1395) ai Certosini di Trisulti. I monaci fondarono una vera azienda agricola che nella seconda metà del XVIII secolo fu trasformata nel complesso della Grancia (granaio), che gestirono fino agli inizi del Novecento. La struttura consta di più corpi riuniti da linee settecentesche che hanno saputo fondere edificio e paesaggio. Nei pressi del complesso sono visibili alcune rovine dell’antico castello.

PROTOCENOBIO DI SAN SEBASTIANO – LA BADIA
Edificio di grande suggestione, la sua costruzione risale alla fine del V secolo per volere del prefetto delle Gallie Liberio, che l’affidò all’abate Servando; in origine il complesso ospitò una delle più antiche comunità cenobitiche d’Occidente, tanto che non è da escludersi che proprio in questo sito abbia avuto stesura la Regula Magistri, alla quale si ispirò san Benedetto da Norcia che qui soggiornò nel 528. Il monastero appare come una suggestiva opera architettonica dalle linee medievali, con decorazioni duecentesche raffiguranti la vita di Cristo e della Madonna.

CHIESA DELLA MADDALENA
Dedicata dal 1196 alla Maddalena penitente, sorge nelle vicinanze del centro di Alatri, ai piedi del monte Sant’Angelo in Formis, nel luogo anticamente adibito a lebbrosario. La chiesa, sobria ed essenziale, fu costruita alla fine dell’XI secolo. Sulla facciata, preceduta da un portico, spicca il portale lunettato, sormontato da una stretta monofora ampiamente strombata.L’interno, in un’unica navata, è costituito da tre grandi archi che sorreggono il tetto. Sulle pareti si conserva un’interessante serie di pitture ad affresco quattrocentesche, rappresentanti santi e sante, opera probabile del pittore locale Antonio da Alatri.

LE FONTANE MONUMENTALI
La fontana Pia – 1870 – Piazza Santa Maria Maggiore
Fontana Antonini – 1869 – Centro Storico – Corso Umberto I – nei pressi della Chiesa di S. Francesco.
Fontana di Porta S. Pietro – 1866 – Centro Storico – Porta S. Pietro

Scopri gli altri intinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Ripa Majala, un gioiello roccioso nel cuore della campagna laziale

A pochi chilometri da Tarquinia e Civitavecchia si può scoprire uno dei gioielli naturalistici più particolari e affascinanti del Lazio. Ripa Majala è una bellissima perla di roccia e spit immersa nella campagna romana e viterbese, un vero e proprio paradiso per gli amanti delle arrampicate: la falesia è di grande impatto e la roccia – tufo vulcanico all’apparenza cotto e unto – è molto apprezzata da chi pratica questo sport. Nel corso della giornata i tersi colori del mattino prendono vita, trasformando i verdi prati e terreni e boschi e colline in un mare magnum animato; al tramonto, invece, la parete si dipinge di un caldo colore rosso. Agli arrampicatori Ripa Majala “propone” decine di vie adatte a tutti i gusti, e un panorama fantastico che è possibile godere dalle soste delle vie più lunghe. Senza dimenticare i prati sottostanti, molto curati, che permettono di ospitare famiglie e   bambini per godersi una bella giornata all’aria aperta, e i resti archeologici di Cencelle risalenti al 900 d.c., che “guardano” anche loro verso questa splendida roccia.

 

 

Castelli Sabina_Fuoriporta

Dai Savelli agli Orsini, a spasso fra i castelli della Sabina

Da Palombara Sabina alla scoperta dei castelli di questo splendido territorio tra le province di Roma e Rieti, famoso oggi per la sua natura incontaminata e per la produzione di un olio di oliva tra i più rinomati d’Italia, ma teatro un tempo di importanti avvenimenti storici testimoniati proprio da queste fortezze.

Un percorso che non può che iniziare dalle pendici dei Monti Lucretili e, in particolare, dal Castello Savelli che rappresenta il vanto di Palombara Sabina. Difficile, d’altronde, restare indifferenti davanti ai suoi ampi saloni, agli affreschi della scuola di Raffaello e alle antiche statue greche; meritano sicuramente una visita anche il Museo Archeologico, che ospita una splendida statua di Zeus risalente al I sec. a. C., il giardino pensile e “il soccorso”, una lunga galleria con 37 feritoie usata un tempo dai balestrieri per passare dal torrione alla rocca senza essere visti.

Non lontano da Palombara è possibile ammirare uno dei più considerevoli esempi di “castrum” longobardo: le rovine del Castiglione, che dominano da posizione panoramica una vallata dominata da fitti ulivi terrazzati. E sempre a pochi chilometri di distanza, ecco l’abitato abbandonato di Stazzano Vecchio, noto come uno dei “paesi fantasma” del Lazio, con il suo Castello Orsini; proseguendo in direzione di Farfa, a pochi chilometri dalla famosissima Abbazia sono visibili i ruderi di Roccabaldesca. Il viaggio tra i castelli della Sabina non può che chiudersi a Nerola e al suo castello in stile romanico-medievale, perfettamente conservato: difeso da un ampio fossato e da quattro ampi torri angolari, al suo interno si possono ammirare gli ampi saloni e si può godere di una vista mozzafiato sulla vallata circostante.