Articoli

Marzamemi Fuoriporta

Marzamemi and the lands of the two Mari to be visited by bicycle

It is one of the most fascinating places in Sicily, in the southernmost tip of the whole island, where a lovely landscape seems to accompany visitors slowly to Africa. It is Marzamemi, where around the central square the fishermen’s lodges have turned into characteristic holiday homes or renowned trattorias; Here you can admire the summer residence of the Principe di Villadorata, which, beside Tonnara, dominates much of the little piazzetta, where you can admire the lush and blue sea from the fishy peaks. A magical place that can be discovered in so many ways, even on two wheels: the Lands of the Two Marines, in fact, can be cycled throughout their reach.

The itinerary extends to the southern part of these lands, between Portopalo of Capo Passero and Porto Ulysses, with a largely flat territory: 24 km of highway, the highest point on the sea level is 37 meters. The starting point can only be the Terrace of the Two Mari, a panoramic spot in the town of Portopalo di Capo Passero. Crossing the small town of Portopalo, head first to the harbor by the harbor, then cross between the vineyards and the cultivations of the renowned cherry tomato. The second stage is on the extreme point of the territory: from here the look stops at the Insolence of the Currents: the stop takes place on the square that precedes the beach, parking area during the summer. Then continue along the longest stretch of the itinerary, which is 21 kilometers.

The coast goes up northwest through cultivated fields, vineyards and protected plants in greenhouses with thousands of cherry variety tomatoes. Afterwards, the route turns east and returns pedaling along the coast, through the village of Granelli, leaving the province of Syracuse and entering the territory of Ragusa. This is the incredible stretch of the Pantanon Longarin waters, where at several times of the year it is possible to observe the pink flamingos passing through these brackish waters. The last 3 kilometers of the route are developed along the coast, heading towards one of the most renowned destinations in the whole area, Porto Ulisse: from these cliffs you can see the Cirica Faraglioni to the west, close to the “Circe Dry” of so many shipwrecks of Roman and Byzantine ships.

You may also be interested in:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/sicilia-alla-scoperta-delle-chiese-caccamo/

Itinerari

Marzamemi e le Terre dei due Mari da visitare in bicicletta

E’ uno dei luoghi più affascinanti di tutta la Sicilia, nella punta a sud più estrema di tutta l’isola, dove un panorama incantevole sembra accompagnare lentamente i visitatori verso l’Africa. E’ Marzamemi, dove attorno alla piazzetta centrale le casette dei pescatori si sono trasformate in caratteristiche case di villeggiatura o rinomate trattorie; qui curiosando tra i vicoli dai quali si può ammirare un mare limpido ed azzurro dai fondali pescosissimi, è ancora possibile ammirare la residenza estiva del Principe di Villadorata che, affiancata alla Tonnara, domina gran parte della piazzetta. Un luogo magico che si può scoprire in tantissimi modi, anche sulle due ruote: le Terre dei due Mari, infatti, possono essere percorse in bicicletta in tutta la loro estensione. L’itinerario si estende nella parte meridionale di queste terre, tra Portopalo di Capo Passero e Porto Ulisse, con un territorio in gran parte pianeggiante: dei 24 chilometri di percorso, il punto più alto sul livello del mare è di 37 metri. Il punto di partenza non può che essere la Terrazza dei due Mari, punto panoramico nella cittadina di Portopalo di Capo Passero. Attraversata la cittadina di Portopalo, ci si dirige prima verso la rada costeggiando il porto, per poi inoltrarsi tra i vigneti e le colture del rinomato pomodoro ciliegino. La seconda tappa è sulla punta estrema del territorio: da qui lo sguardo si ferma d’obbligo all’Isola delle Correnti: la sosta si effettua sulla piazzetta che precede la spiaggia, zona di parcheggio durante il periodo estivo. Quindi si prosegue per il tratto più lungo dell’itinerario, che è di 21 chilometri: risalendo la costa ci si dirige verso nord-ovest attraversando campi coltivati, vigneti e impianti protetti in serre con migliaia di piantine di pomodori della varietà ciliegino. Successivamente il percorso volge verso est e si torna a pedalare lungo la costa, attraverso l’abitato di Granelli, uscendo dalla provincia di Siracusa ed entrando nel territorio ragusano. Si arriva così nell’incredibile distesa di acque del Pantano Longarin, dove in diversi periodi dell’anno è possibile osservare i fenicotteri rosa di passaggio su queste acque salmastre. Gli ultimi 3 chilometri di percorso si sviluppano lungo la costa, dirigendosi verso una delle mete più rinomate di tutta la zona, Porto Ulisse: da queste rupi si possono scorgere a ovest i faraglioni di Cirica, a ridosso delle “secche di Circe”, causa di tanti naufragi di navi romane e bizantine.

Ti potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/sicilia-alla-scoperta-delle-chiese-caccamo/