La piadina fritta della tradizione romagnola

Una piadina fritta – o meglio la piè, come si dice nel dialetto locale – accompagnata da un buon bicchiere di Sangiovese: ovvero la Romagna più autentica in tavola. Tipica della Valle del Santerno, la piè è un pane fritto da realizzare con pochi e semplici ingredienti, da consumare semplice o farcita con salumi e formaggi.

INGREDIENTI

500 g di farina 00, 1 cubetto di lievito di birra, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, acqua, olio per la frittura, sale q.b.

PREPARAZIONE

Prendere una spianatoia e formare una fontana di farina con un buco al centro. Incorporare il lievito, un pizzico di sale e due cucchiai d’olio, quindi iniziare a impastare. Lavorare il composto per qualche minuto. Coprirlo e lasciarlo lievitare per circa 2 ore. Quindi dividere l’impasto in panetti, e stenderli con il matterello sino a formare dei dischi rotondi e sottili. Prendere una padella larga e friggere ogni disco in abbondante olio ben caldo. Scolare accuratamente ogni singolo disco, eliminando l’olio in eccesso con la carta da cucina. Spolverare ogni trancio di pizza fritta con il sale e farcire a piacere.

 

Vi potrebbe interessare anche:

 https://www.fuoriporta.org/eventi/sagra-della-pie-fritta-la-pasquetta-a-fontanelice-bo-22-aprile/

 

Vi potrebbe interessare anche:

Nessun correlato trovato