A Nepi il vero gusto della vignarola laziale

E’ un tipico piatto della tradizione romana che viene preparato a primavera quando in tavola iniziano ad arrivare carciofi romaneschi, fave, piselli e tutte le primizie della bella stagione. E’ la vignarola laziale, che deve il nome al fatto che un tempo queste verdure venivano raccolte tra i vigneti e poi cucinate insieme, dando vita ad una ricetta sana e gustosa. Ottima sia come contorno che come antipasto, va servita tiepida per poter assaporare al meglio il gusto delle verdure.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

3 cipollotti novelli, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 lattuga romana, 4 carciofi, 300 g di piselli, 300 g di fave, sale e pepe qb.

PREPARAZIONE

Prendere i cipollotti, tagliarli a pezzetti e poi metterli a cuocere a fuoco basso in una pentola bassa e capiente, con dell’olio. Una volta appassiti e diventati trasparenti, unire la lattuga romana eliminata delle foglie esterne, ben lavata e tagliata a strisce; i carciofi romaneschi senza gambi e senza le foglie più dure, tagliati a metà ed infine a spicchi sottili che a mano a mano vanno versati in una ciotola con acqua e limone per non farli annerire prima della cottura. Una vota aggiustato di sale e pepe, mescolare tutto insieme e poi coprire con un coperchio. Di seguito unire   anche le fave e i piselli e continuare la cottura per circa 30-35 minuti.

Vi potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/eventi/pecorino-romano-e-salame-cotto-a-nepi-vt-e-tempo-di-delizie-della-tuscia-12-13-maggio/