A Caderzone Terme fra relax, benessere e natura

trascorrere qualche ora di relax all’insegna del benessere e della natura. Nel centro storico del paese in provincia di Trento, sgorga da tempo immemorabile la Fonte Sant’Antonio, la cui acqua termale viene usata dal Centro Benessere Wellness Val Rendena: il Centro offre una vasta gamma di servizi e trattamenti come sauna, calidarium, grotta di sale, bagno turco, piscina con idromassaggio e zona relax. Per i più curiosi, merita una visita il Museo della Malga, incentrato sul lavoro svolto presso gli alpeggi sparsi sul territorio: lo spazio raccoglie gli strumenti che il tempo e l’esperienza hanno perfezionato per la lavorazione del latte e dei suoi derivati. Il Museo è ospitato all’interno della splendido Palazzo Bertelli, oggetto di un sapiente restauro, che ospitava le scuderie di Palazzo Lodron Bertelli. Di grande fascino è anche la Chiesa di San Biagio, il secondo edificio religioso della Valle che fu consacrato il 31 agosto 1454 ed eletto a Curazia il 28 gennaio 1700.

Vi potrebbe interessare anche:

Torbole sul Garda, un gioiello affacciato sul Lago

Sorge nella zona nord-orientale del lago di Garda ed è uno dei centri turistici più conosciuti del territorio, un vero e proprio paradiso per gli amanti degli sport d’acqua: merito del vento che attira ogni anno velisti, surfisti e canoisti, senza dimenticare i diversi percorsi che si inerpicano sul Monte Baldo e che sono di grande richiamo per chi pratica trekking o MTB

Un viaggio alla scoperta di Torbole sul Garda può partire dal parco della Colonia Pavese, un’imponente struttura che negli anni è stata hotel di lusso, sanatorio e scuola. A pochi metri di distanza merita una visita la chiesetta di Santa Maria, un tempo cappella privata della Colonia Pavese ed ora utilizzata alternativamente alla chiesa principale si sant’Andrea, e la nuova piazza di Torbole con le sue fontane e la vista sul Lago di Garda. Proseguendo lungo lago è la volta di Casa Beust, edificio storico famoso per il grande affresco nella parte superiore della facciata, e poi dell’ex Dogana. Dopo aver oltrepassato il molo del battello si giunge al Sasso dei Bimbi, un enorme masso dal quale si gode un panorama unico di Torbole, Riva del Garda fino alla Rocca di Tremosime: nella tradizione locale i bambini, anziché nascere sotto i cavoli, nascevano qui, sotto il sasso baciato dal lago.

Tornando indietro verso il centro, è d’obbligo una passeggiata su via Picalof, con il caratteristico arco che sovrasta l’accesso alla via sotto al quale, un tempo, venivano appesi i lupi catturati dai cacciatori. Al termine della via si giunge a piazza Goethe, che a Torbole soggiornò nel corso del suo viaggio in Italia. Da qui si sale lungo via Pontalti fino alle scale che portano alla Chiesa di Sant’Andrea, la più importante del paese, sviluppata in tre navate e caratterizzata da un dipinto del santo omonimo risalente al XVIII° secolo sorge su resti di una precedente chiesa romanica.

Vi potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/eventi/torbole-sul-garda-tn-si-anima-la-festa-del-broccolo-slow-food-20-gennaio/

 

Castel Valer, la storica fortezza apre finalmente al pubblico

Sovrasta il paese di Tassullo e rappresenta uno dei gioielli meglio conservati della Val di Non. E’ Castel Valer, storica residenza della famiglia Spaur, antico maniero che risale al 1200 la cui bellezza è rimasta intatta nei secoli, tra affreschi, stanze antiche, mobili e armi. Un vero e proprio patrimonio del territorio – che sorge nel Comune di Ville d’Anaunia (Trento) – finalmente aperto al pubblico dalla primavera del 2017. Costruito su un rudere romano (non a caso nei suoi dintorni sono stati ritrovati antichissimi reperti), Castel Valer è oggi uno dei manieri meglio conservati nell’intero arco alpino, e si affianca al noto Castel Thun per ampliare l’offerta culturale della Val di Non. Vi su può accedere solo con visita guidata, durante la quale si possono ammirare i cortili interni, le cantine, i giardini, la cappella di San Valerio affrescata da Giovanni e Battista Baschenis, le stanze Madruzziane, gli studi, la cucina gotica, il loggiato e il salone degli stemmi. Le camere, le cucine e i corridoi sono abbelliti da arazzi, tappeti e splendidi dipinti.

Vi potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/eventi/formai-dal-mont-formaggi-malga-protagonisti-tassullo-tn-2122-ottobre/

 

 

 

Il fascino gotico della Chiesa di San Vigilio a Tassullo

Risale alla fine del 1400 e mantiene intatto il suo particolare stile gotico. E’ la chiesa di San Vigilio di Tassullo (Trento), in origine dedicata ai Martiri Anauniensi, che sorge lungo la strada provinciale che da Cles conduce alla frazione di Campo. Circondata da un muro di cinta che delimita l’antico cimitero, ha una facciata a campana arricchita da un portale a sesto acuto in pietra rosa con decorazioni a torciglioni e un rosone circolare in marmo. Scesi tre scalini ci si trova nell’ingresso a navata unica che termina col presbiterio esagonale. Sulla parete sinistra del presbiterio è possibile ammirare un dipinto di S.Vigilio con lo stemma dei Thun (1495); nella parete centrale vi è la crocifissione, mentre sulla parete destra la Madonna in trono col Bambino. La chiesa custodiva il meraviglioso altare ligneo – ora custodito dal Museo Diocesano di Trento – e del quale nell’abside è visibile la gigantografia di una facciata: l’opera è datata 5 aprile 1520 e ha la forma di trittico gotico a due portelle mobili che recano varie raffigurazioni (S.Lorenzo, S.Maria Maddalena) e sul retro simbologie della Passione e lo stemma Tabarelli di Fatis.

Vi potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/campo-tassullo-lantica-chiesa-santa-lucia/

 

Campo Tassullo e l’antica Chiesa di Santa Lucia

Campo è una delle quattro Ville di Tassullo (Trento) e sorge sulla via che congiunge il paese a Nanno, in un luogo in cui anticamente sorgeva un cimitero o un campo santo, dove la Villa avrebbe ricevuto la sua denominazione. Qui merita una visita la chiesa di Santa Lucia, menzionata per la prima volta nel 1448; questo suggestivo luogo di culto sembra risalire ad epoca romanica, con la facciata a campana che guarda ad est verso la strada; qui si possono notare il portale a tutto sesto in pietra rosa e una finestrella rococò al posto del rosone centrale. L’interno è a navata unica, scandita in due campate dai peducci posti sulle pareti laterali a sostegno della volta reticolare che copre l’ambiente, e termina con un piccolo presbiterio pentagonale; la pala centrale ad olio raffigura Santa Lucia con la simbologia del martirio mentre l’altare, in legno intagliato e dipinto, ha un meraviglioso paliotto in cuoio decorato.

Ti potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/nel-parco-naturale-adamello-brenta-sulle-tracce-dellorso-bruno/

 

Nel Parco Naturale Adamello Brenta sulle tracce dell’orso bruno

E’ la più vasta area protetta del Trentino, primo Parco certificato in Europa, un regno inviolato dove l’orso bruno ha trovato il suo habitat ideale. E’ il Parco Naturale Adamello Brenta, che sorge tra il Lago di Garda e le Dolomiti di Brenta: con i suoi 620,51 km quadratu comprende i gruppi montuosi dell’Adamello e del Brenta, separati dalla Val Rendena e compresi tra le valli di Non, di Sole e Giudicarie. Al suo interno ci sono ben 48 laghi e il ghiacciaio dell’Adamello, uno dei più estesi d’Europa. Un vero e proprio paradiso per gli amanti del trekking e delle passeggiate nel verde tra paesaggi alpini, laghi cristallini in alta quota, rifugi e cascate. Davvero imperdibili, al suo interno, sono le cascate del Rio Bianco, il Giardino Botanico a Stenico (dove è possibile scoprire tutte le curiosità della flora del Parco naturale) e l’oasi di Nembia, a due passi da San Lorenzo in Banale, piccolo gioiello che fa parte del Club dei “Borghi più Belli d’Italia”. Nel territorio del parco è possibile imbattersi in abeti, faggi e larici secolari, oltre a prati pieni di fiori, prati, pascoli, ruscelli, torbiere e rupi inaccessibili. Queste montagne ospitano inoltre un patrimonio faunistico davvero straordinario, a partire dagli orsi bruni e proseguendo con camosci, cervi, caprioli, aquile; e ancora stambecchi, volpi, tassi, martore, galli cedroni e marmotte.

 

Torbole e Nago, un angolo di paradiso sul Lago di Garda

Un antico paesino di pescatori e barcaioli divenuto ora “capitale” del windsurf sul lago di Garda, e un piccolo borgo dal quale si può godere di una vista eccezionale sul bacino sottostante: benvenuti a Torbole e Nago, nel golfo nord del Lago di Garda, tra il Monte Baldo ad est e la piana del Sarche a nord, in provincia di Trento. Da piccolo centro dedito alla pesca, negli ultimi anni Torbole si è trasformato in un rinomato centro velico e surfistico di rilievo internazionale, con spiagge libere e attrezzate; il luogo ideale, insomma, per godersi uno dei tratti più suggestivi del Garda che affascinò anche Goethe, che descrisse i suoi venti come una meraviglia della natura e uno spettacolo incantevole; ma al contempo un luogo dove poter ammirare angoli pittoreschi come il porticciolo con la Vecchia Dogana e Casa Beust, e un ottimo punto di partenza per escursioni in mountain bike, passeggiate e trekking.

A nord di Torbole, lungo la via che porta alla valle dell’Adige, merita sicuramente una visita anche il borgo di Nago, che sorge su un’altura rocciosa e regala una splendida vista del Lago di Garda.  Qui è possibile ammirare i resti di Castel Penede che coronano una monumentale rupe, un’autentica “specola sul Lago di Garda” e punto panoramico imperdibile, senza dimenticare i forti austro-ungarici, in passato punti strategici di sorveglianza della strada principale che dalla valle dell’Adige porta al Lago di Garda. Passeggiare tra Nago e Torbole, inoltre, conduce inevitabilmente alla visita delle Marmitte dei Giganti, pozzi glaciali dell’era quaternaria.