Alla scoperta di Cetona, dalla preistoria ai giorni nostri

Adagiata fra le dolci colline toscane e immersa nel verde, Cetona appartiene al prestigioso club dei borghi più belli d’Italia ed è conosciuta in particolare per due motivi: innanzitutto per il particolare Museo dedicato alla preistoria, e in secondo luogo per il Parco Archeologico Naturalistico di Belverde, dove è possibile visitare alcune delle grotte nelle quali vissero i primi uomini dal Paleolitico all’Età del Bronzo. Questo tratto della Toscana, infatti, fu abitato già in tempi antichissimi all’epoca etrusca e romana, mentre durante il medioevo Cetona fu fortificata da Siena: tutt’ora sono visitabili la Rocca, tre porte e notevoli avanzi della cinta muraria senese. Una grande e incantevole piazza accoglie i turisti nascondendo agli occhi i vicoli del centro storico, da percorrere tutti d’un fiato fino alla bellissima Rocca che sovrasta il borgo e che, risalendo al X secolo costituisce probabilmente la parte più antica dell’abitato. A Cetona meritano una visita anche la Chiesa della Collegiata – che deve il suo particolare fascino alla compresenza di più stili architettonici – il Convento di San Francesco e il Romitorio, incastonati in una particolare cornice naturale.

 

 

 

 

Museo tortura Montepulciano

Il Museo della Tortura: un viaggio all’interno della crudeltà umana

montep_03montep_04Il Museo della Tortura di Montepulciano è un vero e proprio viaggio alla scoperta della crudeltà umana. Una mostra unica per la sua chiave di lettura e con un contenuto di forte impatto sui visitatori: nelle stanze del Museo della splendida cittadina in provincia di Siena si possono vedere strumenti più noti come la “Vergine di Norimberga”, la ghigliottina, il banco di stiramento, la sedia inquisitoria e la cintura di castità; ma anche strumenti unici al mondo come “La forcella dell’eretico”, il “Piffero del Baccanaro”, la “Gatta da scorticamento” e i “Ragni spagnoli”. Ospitata all’interno di Palazzo Bellarmino, la mostra mette a nudo il lato peggiore della natura umana: in ogni uomo si nasconde e latita un potenziale carnefice. Il Museo della Tortura è visitabile anche a Siena, nei pressi di Piazza del Campo, a Volterra (Piazza XX Settembre), Lucca (Palazzo Guinigi Magrini) e San Gimignano (Via San Giovanni).