Parco delle Orobie, il fascino dei monti del bergamasco

Siamo nel regno delle aquile, degli stambecchi e dei panorami mozzafiato. Siamo nel Parco delle Orobie, i monti del bergamasco. Con i suoi 70.000 ettari è la più grande area verde, tra i parchi regionali lombardi, per la presenza di una natura incredibile. Oltre 3.000 metri di altitudine ed estese vallate percorse dai fiumi Brembo, Serio e Dezzo, che solcano le Valli Brembana, Seriana e di Scalve regalando scenari sorprendenti e incontaminati.

Il Parco delle Orobie bergamasche è noto come uno dei territori a più elevata biodiversità a livello regionale, nazionale ed europeo. Esploratelo vivendo un’avventura tra laghi alpini, cascate, rifugi, valli incantate e natura da capogiro. Gli itinerari sono adatti a un weekend fuoriporta o a lunghi trekking per veri viaggiatori.

Tante le possibilità.

Nella Valle del Vò, nel Comune di Schiliparo, caratterizzata dalle tracce dell’antica vocazione mineraria del luogo, nata al tempo dei romani, preparatevi a una emozionante passeggiata su un sentiero ricco di boschi di abeti rossi, pini mugo, ontani e noccioli. Potrete incontrare camosci e altri animali selvatici. Osservare da vicino la meravigliosa Cascata del Vò, alta 25 metri. Potrete godere del vostro pranzo al sacco con il suono degli scrosci della cascata, perché proprio alle sue pendici è posta l’area pic nic. Lungo il tragitto troverete un esempio di “poiat”, una struttura di rami e tronchetti di legna per la fabbricazione del carbone, importantissimo un tempo per gli abitanti della zona. Poco prima della cascata ci sono i resti dell’antica “reglana”, il forno di fusione dei minerali a cui si accedeva proprio tramite la mulattiera che oggi porta alla cascata.

Il Pizzo Formico, altro percorso nel Parco delle Orobie, è raggiungibile sia da Clusone San Lucio, oppure dalla Val Gandino ed è considerata una meta d’effetto in tutte le stagioni! Il panorama qui è davvero incredibile! La croce in ferro che sancisce l’arrivo alla vetta… avrete una vista a 360 su prati in fiore e baite, vi toglierà il fiato.
Siete a 1626 metri di altezza sulle Prealpi Bergamasche.
Per un caffè, un aperitivo o un piatto della cucina Bergamasca lì vicino c’è il Rifugio Parafulmine.

Tante piccole cascate che si susseguono e una stradina che le costeggia, questo è il percorso dedicato alla Val Vertova, un luogo meraviglioso con un sentiero facile, adatto a tutti. Vanno benissimo delle semplici scarpe da ginnastica, c’è un chiosco dove mangiare all’inizio dove fanno dei panini enormi. Il percorso centrale più semplice permette di rilassarsi e fuggire dal caos del quotidiano mentre le salite “laterali” sono più sfidanti e danno la possibilità a chi è in cerca di adrenalina di impegnarsi di più.

Un altro percorso da non perdere, lungo boschi di faggi e pascoli aperti, è dedicato ai laghetti di Cardeto nei pressi del comune di Gromo, tra “i Borghi più belli d’Italia” con il suo centro medievale. L’escursione regala una giornata in una ambiente ricco d’acqua e di mirtilli, i famosi mirtilli di Cardeto che danno i frutti tra giugno e agosto.

A cavallo tra la Valle Seriana e Val Cavallina troneggia il Monte Misma, un itinerario bergamasco adatto per gli amanti della mountain bike. Avrete la possibilità di immergervi in un’ecosistema in cui sono presenti castagni e funghi, ma anche volpi rosse, ghiri, ricci, moscardini… aguzzate lo sguardo, ma tenete i piedi fermi sui pedali!

Scopri gli altri intinerari su www.fuoriporta.org

Collegati e seguici sui nostri social:
www.facebook.com/fuoriportaweb
www.instagram.com/fuoriportafortravel

Related Posts