Il Castello del Malconsiglio e la congiura dei baroni

E’ uno dei manieri più famosi del Sud Italia, e prende il nome da un episodio avvenuto il 1° ottobre del 1481. Appartenente alla famiglia Sanseverino, il Castello del Malconsiglio di Miglionico (Matera) sorge sulla sommità di una rupe dalla quale si gode di una splendida visuale sulla valle del Bradano. Il suo nome deriva dalla congiura organizzata al suo interno, ai danni di Ferdinando I d’Aragona Re di Napoli, da parte dei baroni del regno: il tutto si concluse con la sanguinosa strage dei baroni nella grande sala del primo piano. Il Castello appare oggi alla vista dei turisti con la sua forma di un parallelogramma fiancheggiato da sette torrioni di forma quadrata o circolare. È costruito su due livelli, con un ballatoio che risale ad una ristrutturazione voluta dai Revertera nel 1600. La parte più caratteristica è senza dubbio la Sala della Stella o degli Spiriti, nelle cui nicchie intagliate nei muri erano custoditi i tesori dei sui abitatori: ori, documenti, libri preziosi e monete; proprio per spaventare eventuali malintenzionati, il locale assunse questa particolare denominazione. Nell’anticamera di questo salone si consumava lo ius primae noctis, un privilegio feudale che consisteva nel far sì che ogni sposa trascorresse la prima notte successiva al matrimonio assieme al barone.

Vi potrebbe interessare anche:

https://www.fuoriporta.org/itinerari/borghi-fantasma-lucani-brienza-ad-alianello/